Ultimo sabato prima del passaggio in zona Gialla, a Roma celerini in strada contro gli assembramenti. Cordone di sicurezza intorno a piazza Navona.

A Roma celerini ini strada contro gli assembramenti. Gli agenti si sono posizionati nei pressi della centralissima Piazza Navona per evitare assembramenti nell’ultimo sabato in zona Arancione prima del passaggio del Lazio in zona Gialla. Va detto che la giornata di sabato è stata complicata in diverse città italiane, con molte persone che hanno pensato di anticipare la zona Gialla. E in diverse zone si sono registrati preoccupanti assembramenti, un anticipo di quello che sarà dal prossimo 26 aprile, quando scatterà una sorta di semaforo verde in quasi tutte le regioni italiane.

Roma, celerini in strada contro gli assembramenti

Nei video e nelle immagini che hanno fatto il giro della rete si vedono i celerini in tenuta anti-sommossa a blindare piazza Navona, nel cuore della Capitale, per evitare assembramenti. Gli agenti, secondo le ricostruzioni, sarebbero intervenuti dopo una segnalazione alle autorità. In poco tempo sono arrivati i celerini che hanno creato un cordone di sicurezza intorno alla centralissima piazza. Il dispiegamento delle forze dell’ordine però non è stato apprezzato da tutti. In molti hanno ritenuto eccessiva la risposta delle autorità. Al termine della serata comunque non si sono registrati incidenti degni di nota.

Polizia
Polizia

Gente in strada a Roma e Milano

Ma è stato un sabato complicato anche a Milano, ad esempio. La situazione di maggiore criticità si è registrata in zona Navigli, dove molte persone si sono riversate nelle strade creando assembramenti. A Roma molte persone hanno approfittato della bella giornata di sole per trascorrere qualche ora sulla spiaggia, a mare. Con il passaggio in zona Gialla queste scene faranno parte della normalità. Le autorità sanitarie invitano le persone ad essere prudenti e responsabili, rispettando la distanza interpersonale e indossando correttamente la mascherina.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-04-2021


Riaperture, al ristorante fino alle 22.00: nessuna multa per chi torna a casa. Il Viminale smentisce

Anniversario della Liberazione, Draghi: “Dobbiamo ricordare che noi italiani non fummo tutti brava gente”