Otto persone – tra cui sei poliziotti – sono finiti in manette con l’accusa di corruzione.

ROMA – Corruzione nella Polizia romana. È questo quello che è venuto fuori da un’indagine condotta negli ultimi mesi dai Carabinieri. Il nucleo investigativo della Capitale e la Squadra Mobile della Questura hanno fermato otto persone, tra cui sei agenti, impiegati tra il commissariato di Fidene-San Basilio e il reparto Volanti. Tra i fermati ci sono anche un pregiudicato e un dipendente della Procura di Roma.

Un settimo poliziotto è coinvolti nell’indagine ed è stato raggiunto da una misura interdittiva. Gli arrestati sono accusati di corruzione per atti contrari a doveri di ufficio, corruzione per l’esercizio della funzione, accesso abusivo al sistema informatico e rivelazione di segreti d’ufficio.

Polizia
Polizia (fonte foto https://twitter.com/tg2rai)

Latina, in manette sei gestori di centri per migranti

Altra operazione di polizia nel Lazio. A Latina sono finiti in manette sei gestori di altrettanti centri di accoglienza straordinaria del Pontino. L’accusa da parte degli inquirenti è di falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture, maltrattamenti. Durante le indagini, gli investigatori hanno fatto diversi sopralluoghi, riscontrando sia delle carenze igenico-sanitaria che situazioni di sovraffollamento.

Dall’inchiesta sono venute alla luce una serie di gravi violazioni nell’esecuzione degli obblighi che i centri si erano assunti per aggiudicarsi le gare. Dalle intercettazioni sono emerse anche delle spartizioni dei richiedenti asilo tra due Onlus senza comunicare nulla alla Prefettura di Latina.

Le indagini proseguiranno anche nelle prossime settimane per cercare di individuare altre possibili persone che potrebbero essere coinvolte in questo giro.

Di seguito il video con le indagini della Squadra Mobile di Latina

https://www.youtube.com/watch?v=WFmmClOPgIE

fonte foto copertina https://www.facebook.com/LaVocediReggio/


Addio a Richard Harrison, il ‘vecchio’ di Affari di Famiglia

Pedofilia nella Chiesa, condannato a cinque anni don Angelo Blanchetti