Tragedia a Roma, 25enne muore scavalcando un cancello per andare a un rave abusivo

Roma, ragazzo di 25 anni è morto scavalcando un cancello per prendere parte a un rave abusivo a La Sapienza. Il decesso legato alla recisione dell’arteria femorale.

Una serata di divertimento si trasforma in tragedia a Roma, dove un ragazzo di 25 anni è morto scavalcando un cancello. Nel tentativo di superare la recinzione, il giovane si è lacerato l’arteria femorale ed è deceduto per la perdita di sangue.

Roma, ragazzo di 25 anni morto scavalcando un cancello

Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, il giovane stava scavalcando uno dei cancelli che chiudono il perimetro dall’Università La Sapienza di Roma. Proprio in una delle strutture dell’ateneo capitolino ignoti avrebbero organizzato un rave party abusivo.

La dinamica dell’incidente

Nel tentativo di superare l’inferriata il venticinquenne è rimasto gravemente ferito alla gamba. Ha riportato la recisione dell’arteria femorale e al momento dell’arrivo dei soccorritori le sue condizioni erano particolarmente preoccupanti.

Umberto I Roma
Fonte foto: https://www.facebook.com/medicinaumbertoIsapienza

Il venticinquenne morto in ospedale a causa delle ferite riportate

Il ragazzo è arrivato già in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma. Inutili i tentavi dei medici di salvargli la vita. Il venticinquenne è morto a causa delle gravi ferite riportate e dell’ingente perdita di sangue.

Le indagini degli inquirenti

Gli inquirenti sono al lavoro per chiarire la notizia del party che sarebbe stato organizzato abusivamente all’interno di uno degli edifici dell’Università La Sapienza, uno degli Atenei più famosi in tutta Italia.

Agli investigatori il compito di chiarire se fosse stato organizzato un party. Se così fosse si dovrebbe poi chiarire chi abbia organizzato e indetto la festa abusiva. Saranno monitorate anche le immagini delle telecamere presenti nella zona per provare a fare luce sulla questione.

ultimo aggiornamento: 24-06-2019

X