Roma, maxi rissa tra tifosi. Tre persone trasportate in pronto soccorso, una in codice rosso per le ferite da arma da taglio riportate in seguito allo scontro.

Notte di violenza a Roma dove si è verificata una maxi rissa che ha visto coinvolte diverse persone. Il bilancio è di tre feriti, trasportati in ospedale con ferite da taglio.

Roma, rissa tra tifosi: tre persone in pronto soccorso

L’episodio è avvenuto nel rione Monti, proprio nel cuore di Roma. L’ipotesi è che si sia trattato di uno scontro tra tifoserie. Tra i feriti si registrano infatti due spagnoli, giunti a Roma presumibilmente per assistere alla sfida di Europa League tra Lazio e Siviglia.

Carabinieri NAS
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Uno spagnolo ricoverato in codice rosso per le ferite da arma da taglio

Ad avere la peggio uno spagnolo, trasportato in pronto soccorso in codice rosso a causa delle ferite riportate. Coinvolto nella rissa anche un americano. Non è chiaro se si trovasse sul posto per pura coincidenza o se avesse preso volontariamente parte agli scontri.

La dinamica della rissa

Ancora da chiarire le dinamiche dell’incidente. Gli inquirenti dovranno capire se si sia trattato di uno scontro organizzato – un appuntamento tra tifoserie – o di una lite scoppiata per caso.

Non si esclude neanche l’ipotesi di un blitz da parte di una frangia organizzata della tifoseria di una delle due squadre della città.

Lazio-Siviglia, aumentate le misure di sicurezza

In attesa di capire la dinamica che ha portato agli scontri e in attesa di conoscere le condizioni dello spagnolo ricoverato in gravi condizioni, le autorità italiane hanno aumentato il livello di allerta per timore di nuovi scontri tra le tifoserie e soprattutto per timore che la tifoseria spagnola voglia vendicare i propri feriti.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
azio calcio cronaca Lazio roma siviglia

ultimo aggiornamento: 14-02-2019


Europa League, le probabili formazioni di Zurigo-Napoli

‘Sberle’ alla moglie e atteggiamenti maschilisti: bufera su Lorenzo Insigne