La sindaca di Roma, Virginia Raggi, chiude le Ztl ai diesel Euro 3. Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo 1° novembre.

ROMA – La rivoluzione nella Capitale continua. A margine di un evento la sindaca Virginia Raggi annuncia lo stop alle vetture diesel euro 3 nella zona Ztl: “Possiamo dire – dichiara riportata da Il Messaggero – che dal 1° novembre questo provvedimento entrerà in vigore. Parliamo di almeno 24 mila veicoli solo per quanto riguarda i residenti nell’area ma la misura assume ancora più efficacia se guardiamo anche a quelli che non abitano in zona“.

I proprietari – continua la Raggi – non saranno contenti ma per noi si tratta di una misura necessaria per salvaguardare la salute dei cittadini. La zona sarà chiusa dal lunedì al venerdì. Nei prossimi giorni è in programma l’approvazione della giunta che si inquadra nel percorso del contrasto alle emissioni climalternanti nella nostra città“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

VIRGINIA RAGGI
VIRGINIA RAGGI

Roma, stop alle Euro 3 nella Ztl: la rivoluzione nella Capitale comincia da novembre

Questa misura è il primo passo che porterà nel giro di cinque anni allo stop di tutte le auto diesel nella Ztl. Il Comune ha deciso di iniziare con l’Euro 3 ma non è escluso che nei prossimi mesi la decisione non venga ripetuta per altre vetture. Molto probabilmente si aspetteranno i risultati di questa scelta e poi si continuerà su questo percorso che potrebbe portare diverse critiche da parte dei proprietari delle vetture.

Il divieto nelle zone a traffico limitato – per il momento – è vietato dal lunedì al venerdì mentre sabato e domenica le Ztl riaprono a tutte le auto. L’annuncio è arrivato direttamente da Virginia Raggi. La sindaca di Roma ha assicurato che questo è il primo passo di un lungo percorso che porterà all’addio di tutte le vetture diesel entro il 2024 per cercare di salvaguardare la salute dei cittadini e dei turisti.


Barbie compie 60 anni: per festeggiare la Mattel lancia una nuova serie

Calabria, un senegalese muore in una baraccopoli di San Ferdinando a causa di un incendio