Roma, Traforo Umberto I a rischio crollo. Cadono calcinacci e le condizioni dell’asfalto rappresentano un pericolo per gli automobilisti.

Allerta crolli a Roma, con il Traforo Umberto I che desta particolare preoccupazione tra i cittadini e tra le autorità. Stiamo parlando del tunnel principale che introduce nella centralissima Piazza di Spagna. Tra romani e turisti, ogni giorno diverse centinaia di persone percorrono il Traforo.

Traforo Umberto I a rischio crollo

Nonostante i lavori di ristrutturazione del 2007, in occasione del quale la struttura venne chiusa al traffico, il Traforo è oggi in condizioni considerate allarmanti,  al punto cge cittadini e diversi esponenti politici hanno chiesto al Comune di intervenire per evitare possibili incidenti o, nel peggiore dei casi, una vera e propria tragedia.

Percorrendo il Traforo Umberto I è possibile constatare la situazione: le condizioni dell’asfalto rappresentano un pericolo per gli automobilisti, e inoltre non è raro trovarsi di fronte detriti o calcinacci.

Una discarica a cielo aperto nel cuore di Roma

Come se non bastassero i problemi strutturali, il Traforo è diventato una sorta di discarica a cielo aperto. Nel corso degli anni si sono accumulati i rifiuti gettati dai passanti.

Anche i cittadini hanno chiesto alle autorità di intervenire. Le condizioni della struttura non lasciano tranquille le persone che il Traforo lo conoscono bene perché o percorrono quotidianamente.

L’appello di cittadini e autorità: intervenire immediatamente per evitare una tragedia

Il Traforo sta cadendo lentamente ma inesorabilmente a pezzi e rappresenta un serio rischio per gli abitanti e per i turisti. Ai punti di accesso al tunnel stazionano regolarmente durante il giorno i pullman turistici e un cedimento della struttura potrebbe trasformarsi in una tragedia.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza roma Traforo Umberto I

ultimo aggiornamento: 02-12-2018


Infarto a 17 anni, muore a scuola davanti ai compagni di classe

Firenze, scritte choc contro Scirea e contro le vittime dell’Heysel