Un meraviglioso atto di gentilezza ed altruismo quello comparso in Romania. Su di un ponte storico che collega la Romania all’Ucraina sono stati depositati diversi giocattoli e peluches come dono per i bambini in fuga dall’Ucraina.

Volontari, residenti del posto, polizia di frontiera della città della Romania di Sighetu Marmatiei e la polizia ucraina di Solotvino. Riuniti assieme, hanno compiuto un gesto di grande amore e compassione. Il ponte storico in legno, situato sopra il fiume Tisza funge infatti da collegamento terrestre tra lo stato ucraino e la Romania. Proprio sopra quel posto, rinominato da allora “ponte dei giocattoli” è nata di nuovo la speranza per la rinascita nel mondo di valori quali altruismo, gentilezza ed empatia.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il ponte dei giocattoli tra la Romania e l’Ucraina

bandiera ucraina
bandiera ucraina

Il ponte è stato ricoperto da giocattoli di ogni tipo e da peluche. Questo passaggio terrestre permette il collegamento della cittadina romana con la città ucraina Solotvino. Questo è uno due tre punti presenti nel territorio che collegano i due stati confinanti. Il secondo luogo di contatto si trova nella parte nord-orientale del Paese, a Isaccea. Il terzo si trova a Siret.

Il ponte dei giocattoli attende i passi dei bambini ucraini, costretti alla fuga a causa del conflitto che si sta vivendo nello stato ucraino con la Russia. Sopra quel ponte infatti passano centinaia di cittadini ucraini, provenienti da luoghi ormai devastati dai bombardamenti e dagli attacchi russi. Famiglie costrette ad abbandonare la propria casa.

Grazie ai social network è diventata ormai virale questa azione di amore nei confronti del prossimo. Molte le fotografie condivise sui social da tantissimi utenti, persone comuni, volontari che hanno deciso di donare un po’ di gioia e di serenità ai bambini delle famiglie ucraine costrette purtroppo a fuggire il più in fretta possibile.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-03-2022


Bergamo, il sindaco Gori positivo al Covid-19

Costi produzione troppo alti: a rischio rotoli e carta igienica