Romania, potrebbe essere stato ritrovato un quadro di Picasso (Testa di Arlecchino) rubato nel 2012 dal museo di Rotterdam.

Romania – Stando a quanto riferito dai giornalisti dell’Est Europa, le autorità locali potrebbero aver ritrovato uno dei quadri di Picasso – La testa di Arlecchino – rubato nel 2012 nel museo di Rotterdam.

Ritrovata la Testa di Arlecchino di Pablo Picasso?

Secondo le fonti giornalistiche si tratterebbe delle Testa di Arlecchino. Critici d’arte ed esperti sarebbero al lavoro sulla tela per scoprire se si tratti effettivamente dell’originale o semplicemente di una copia

Rubati quattro quadri di Picasso dal museo di Rotterdam: condannati quattro cittadini romeni

Nel 2013 le autorità hanno condannato quattro cittadini romeni ritenuti responsabili del furto di quattro quadri di Picasso. Il colpo è stato messo a segno nel 2012 nel museo di Rotterdam e il valore complessivo del bottino sarebbe stato di milioni di euro.

Le indagini degli inquirenti

Uno dei responsabili aveva fatto sapere agli investigatori di aver bruciato le tele, ricostruzione che non ha mai convinto gli inquirenti. Lo stesso uomo ha poi in un secondo momento smentito le sue dichiarazioni. Ad oggi resta un mistero l’ubicazione dei quadri in questione. Gli investigatori ritengono improbabile che i malviventi possano aver distrutto le opere vanificando un colpo così rischioso e redditizio come quello messo a segno. Non è da escludere i ladri possano aver rivenduto o nascosto i quadri, magari per recuperarli al termine della condanna.

Le analisi in corso sulla tela ritrovata faranno sapere se le indagini sono finalmente arrivate a una svolta oppure se le ricerche dovranno ripartire da zero. Al momento le autorità non hanno svelato dettagli sulle modalità e sul luogo del ritrovamento del quadro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri Pablo Picasso romania rotterdam

ultimo aggiornamento: 19-11-2018


Formula 3, il video del pauroso incidente di Sophia Floersch

Arrestato Carlos Ghosn, presidente della Nissan-Renault-Mitsubishi Motor