Il 6 febbraio 1911 nasceva Ronald Reagan. Dopo l’esperienza nel cinema entra in politica: prima Governatore della California, poi presidente degli Stati Uniti.

Ronald Reagan nasceva 110 anni fa a Tampico, in Illinois. Il suo doppio mandato presidenziale negli Anni ’80 è stato uno dei più importanti nella storia degli Stati Uniti.

Dal cinema agli esordi in politica

Figlio di un venditore ambulante di scarpe, per pagarsi gli studi universitari deve ricorrere alla sua bravura nel football. Laureatosi in scienze sociali, prova la carriera di giornalista sportivo. Poi Ronald Reagan comincia quella cinematografica. Gira più di 50 film in 28 anni. Prestante e simpatico, dotato di grandi doti comunicative, tuttavia la critica lo considerò mediocre nella recitazione.
Si avvicina alla politica rappresentando alcuni attori a livello sindacale. Poi dà vita a un’importante rete di finanziatori.

Madre Teresa di Calcutta
https://it.wikipedia.org/wiki/Madre_Teresa_di_Calcutta#/media/File:President_Reagan_presents_Mother_Teresa_with_the_Medal_of_Freedom_1985.jpg

Governatore della California

Partecipa quindi alla campagna presidenziale a sostegno della candidatura del repubblicano Barry Goldwater; nel 1966 Reagan è candidato Governatore della California. La vittoria di Reagan è schiacciante. Nel 1970 viene rieletto.

La Reaganomics

Nel 1980 vince le Primarie del Partito Repubblicano, battendo George W. Bush. E a novembre trionfa contro l’uscente Carter, insediandosi alla Casa Bianca. La sua politica economica basata sull’offerta (supply-side economics o anche Reaganomics) fu caratterizzata dal taglio del 25% dell’imposta sul reddito, dalla riduzione dei tassi d’interesse, dall’aumento delle spese militari e anche del deficit e del debito pubblico. Dopo una recessione nel biennio tra il 1981 e il 1982, l’economia statunitense iniziò una rapida ripresa nel 1983, aumentando la popolarità dell’ex attore.
A livello di politica estera, la presidenza Reagan si è contraddistinta per l’acuirsi della Guerra Fredda con l’Urss.


La Lega apre al governo Draghi e chiede ministri. Si sposta il baricentro del nuovo esecutivo

Stati Uniti, Blinken alla Cina: “Rispetti i diritti umani di Tibet e Hong Kong”