Stamattina sul web è apparsa la notizia della morte dell’ex sindaca di Napoli ma la famiglia ha smentito.

Questa mattina vari siti di news hanno pubblicato la scomparsa di Rosa Russo Iervolino, ex sindaca di Napoli e prima donna a presiedere il Viminale. Ma pare che si tratti di una fake news rimbalzata sul web dato che è prontamente arrivata la smentita dei familiari. La figlia ha dichiarato che la mamma sta bene.

“La notizia della morte della Iervolino è assolutamente infondata. Lo si apprende dai familiari che confermano che l’ex sindaco è a casa, serena e in salute”, si legge nella nota di Annamaria Roscigno storica portavoce della politica, che ha parlato con i figli.

Napoli
Napoli

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La smentita della stessa Iervolino: “Sto bene, solo un po’ di mal di schiena”

La figlia Francesca poi smentisce con un post sui social scrivendo: “Mamma sta benissimo. Non so quale idiota abbia messo in giro questa notizia. Sarebbe il caso di non scherzare sulla vita delle persone. Napoletanamente facciamo le corna!!!”. Poi arriva la dichiarazione della stessa Iervolino che smentisce la notizia della sua morte circolata stamattina. “Sto bene, non c’è male, ho solo un po’ di mal di schiena. Stamattina ho ricevuto un sacco di telefonate, ho pensato che fosse successo qualcosa a qualcuno e invece non era successo niente” riporta LaPresse.

Tra pochi giorni, il 17 settembre, compirà 86 anni. Parlamentare dal 1979 al 2001 tra la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica, ha ricoperto vari incarichi parlamentari, svolgendo il ruolo di ministro per gli affari sociali dal 1987 al 1992, ministro della pubblica istruzione dal 1992 al 1994 e ministro dell’interno nel governo D’Alema, la prima donna a capo del Viminale.

Tutti i siti di news sono caduti nella trappola e hanno rilanciato la notizia. Ci scusiamo con i lettori per questa notizia infondata.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-08-2022


Ferdinando Carretta, la storia dell’omicidio familiare 

Muore l’ex presidente dell’URSS: “Uomini liberi in lutto”