Rottamazione ter, scade il termine per il pagamento della rata di maggio 2020: il calendario delle scadenze.

Dopo lo slittamento deciso in piena emergenza Covid, i contribuenti tornano a fare i conti con le scadenze fiscali: il 31 agosto scade il termine per il pagamento della seconda rata della Rottamazione-ter, ossia della rata di maggio 2020.

Rottamazione ter, il 31 agosto scade il termine per il pagamento della rata di maggio 2020

Con il Decreto Sostegni bis il governo ha concesso la rateizzazione dei pagamenti delle rate dello scorso anno, da pagare a luglio, agosto, settembre e ottobre. I pagamenti delle rate in scadenza nel 2021 invece devono essere effettuati entro la fine del mese di novembre. Ricordiamo che per ogni scadenza sono previsti cinque giorni di tolleranza, riconosciuti dalla legge. Nel caso in cui si sforino anche i cinque giorni di tolleranza, si perde il diritto all’agevolazione. I pagamenti effettuati vengono riconosciuti come acconto della somma totale dovuta.

“Nell’ambito delle misure introdotte dalla Legge n. 106/2021 di conversione del “Decreto Sostegni-bis”, l’art. 1-sexies, pur non modificando le date di scadenza originariamente previste nella “Comunicazione delle somme dovute” della “Rottamazione-ter”, ha fissato nuovi termini entro i quali effettuare il pagamento delle rate 2020 e mantenere i benefici della definizione agevolata. Per il versamento delle rate 2021 c’è tempo fino al 30 novembre”, si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

monete soldi
monete soldi

Il calendario delle scadenze per le rate del 2020 non ancora versate

“Per i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2019, il mancato, insufficiente o tardivo versamento di quelle in scadenza per l’anno 2020 non determina la perdita dei benefici della “Rottamazione-ter”, se le stesse verranno integralmente corrisposte entro il:

31 luglio 2021, per la rata in scadenza il 28 febbraio 2020;
31 agosto 2021, per la rata in scadenza il 31 maggio 2020;
30 settembre 2021, per la rata in scadenza il 31 luglio 2020;
31 ottobre 2021, per la rata in scadenza il 30 novembre 2020.

Ricordiamo che, come stabilito dalla legge, dopo la scadenza sono previsti cinque giorni di tolleranza. In termini pratici, la rata in scadenza il 31 agosto potrà essere saldata entro e non oltre il 6 settembre. In caso di ritardo si perde il diritto all’agevolazione e la somma versata viene considerata come acconto.

Le rate del 2021

Chi è in regola con le rate del 2019 e del 2020 ha tempo fino al 30 novembre per completare il pagamento delle rate in scadenza nel 2021.


Estate in ripresa per spiagge e ristoranti. Soffrono le città d’arte

Conte difende il Reddito di Cittadinanza: “Ce l’hanno tutti in Ue, è una misura di civiltà”