Colpo Chelsea: Rudiger va da Conte, alla Roma 33 milioni!

Il club campione d’Inghilterra raggiunge l’accordo con i giallorossi per Antonio Rudiger. Il Nazionale tedesco dovrebbe trasferirsi a Londra per una cifra vicina ai 33 milioni.

chiudi

Caricamento Player...

L’ultima ora di mercato giunge a fari spenti. Il Chelsea avrebbe affondato il colpo per il difensore Antonio Rudiger. I Blues hanno presentato una prima offerta sui 30 milioni contro la richiesta della Roma di 35: sostanzialmente, c’è l’accordo per chiudere a metà strada e quindi sui 33 milioni. I due club si aggiorneranno già oggi per concludere l’affare. Il classe ’93 sarebbe un tassello importante per Antonio Conte in vista della prossima stagione dove il Chelsea dovrà difendere il titolo inglese e competere in Champions League. Il tecnico italiano si era interessato già un anno fa al difensore originario della Sierra Leone prima che il giocatore si rompesse il legamento crociato anteriore del ginocchio destro, che gli ha fatto saltare anche gli Europei.

Plusvalenza importante

Rudiger è arrivato alla Roma nel 2015 dallo Stoccarda: prestito oneroso di 4 milioni e riscatto a 9, per un totale di 13 milioni. Dopo due stagioni, i giallorossi realizzerebbero una plusvalenza elevatissima, fondamentale per il bilancio e per le regole del Fair Play Finanziario. Dopo la cessione di Salah il club capitolino incasserebbe un altro consistente bottino per finanziare la campagna acquisti.

Rudiger parte, Manolas resta?

L’accelerata su Rudiger da parte del Chelsea non può non collegarsi alla vicenda Manolas. Il difensore greco era infatti a un passo dallo Zenit San Pietroburgo: il club guidato da Roberto Mancini aveva chiuso l’accordo con la Roma sulla base di 35 milioni, oltre ai 25 per Paredes. Poi, d’improvviso, l’ex l’Olympiakos ha fatto saltare tutto, pare per motivi ambientali: i russi gli avrebbero garantito un ingaggio da 5 milioni più bonus. E così, sul mercato è finito Rudiger, nonostante il ds Monchi avesse detto pochi giorni fa che il il 24enne nativo di Berlino non si sarebbe mosso da Trigoria.