Russiagate, incontro Assange-Stone prima delle elezioni americane

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il caso Russiagate si “arricchisce” di un’altra posizione riguardante Roger Stone. L’ex collaboratore della campagna elettorale di Trump avrebbe incontrato Assange, il fondatore di Wikileaks.

La vicenda ribattezzata Russiagate, con riferimento ai presunti interventi provenienti dal Paese retto da Putin in favore di Donald Trump durante le presidenziali del 2016, si arricchisce di un altro elemento. Il procuratore speciale che coordina le indagini, infatti, starebbe indagando sulle affermazioni rilasciate da Roger Stone, ex consigliere e manager della campagna presidenziale di Trump, il quale sostiene di aver incontrato Julian Assange nell’agosto del 2016. A riportare la notizia è il Wall Street Journal.

Putin Russia
Putin

Il ruolo di Wikileaks

L’incontro tra Stone e Assange è sotto la lente di ingrandimento da parte di chi indaga sul Russiagate. Wikileaks, infatti, pubblicò migliaia di documenti che danneggiarono evidentemente Hillary Clinton. Il Wall Street Journal ha ricordato come il tutto nacque da una email che un altro ex consigliere della campagna di Trump, Sam Nunberg, avrebbe ricevuto il 4 agosto 2016 da Stone: in quelle righe quest’ultimo parlava apertamente della cena con Assange. Roger Stone, qualche settimana prima che venissero diffuse le email rubate a John Podesta, ex manager della campagna di Hillary Clinton, twittò: “Presto Podesta sarà nel mirino“.

Il Wall Street Journal evidenzia come tutto sia nato da una email che un altro ex consigliere della campagna di Trump, Sam Nunberg, avrebbe ricevuto il 4 agosto 2016 da Stone che gli parlava della cena con Assange, avvenuta la sera prima.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 03-04-2018

Fabio Acri