Russiagate, Paul Manafort si costituisce all’FBI: le accuse non sono chiare

L’ex manager della campagna del presidente Donald Trump si è costituito all’FBI. Al momento non sono chiare le accuse.

NEW YORK – Nuova puntata del Russiagate. Nella giornata odierna l’ex manager della campagna del presidente Donald Trump, Paul Manafort, ha risposto all’appello delle autorità americane di consegnarsi insieme a Rick Gates. L’uomo si è costituito oggi all’FBI.

Il New York Times: “Le accuse a Paul Manafort non sono chiare”

Secondo quanto scrive il New York Times le accuse a Paul Manafort non sono ancora chiave. L’uomo era sotto indagine anche per il riciclaggio di denaro, approvazione indebita, violazione delle leggi sulle tasse federali.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 30-10-2017

Francesco Spagnolo

X