Salone di Parigi 2018, dopo Opel anche Volkswagen non ci sarà

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il marchio tedesco non sarà presente al Salone di Parigi 2018 mentre il gruppo porterà gli altri marchi, tra i quali Audi, Porsche e SEAT.

Proseguono le defezioni al prossimo Salone dell’Auto di Parigi 2018, in programma a partire dal 4 ottobre prossimo. Dopo il forfait della Opel, anche la Volkswagen ha fatto sapere che non presenzierà all’evento. Ad ogni modo, il Gruppo VW sarà ampiamente rappresentato grazie agli stand di Audi, Porsche, Seat e Skoda.

Salone di Parigi 2018 Volkswagen è la nona marca a disertare

L’assenza della Volkswagen va ad aggiungersi alle altre assenze al Salone di Parigi 2018: Ford, Volvo, Nissan, Mazda, Infiniti, Mitsubishi e Subaru. Il timore, come sottolineato dal portale francese autoactu.com, è che la VW non sia l’ultima casa automobilistica a disertare l’evento parigino e che la sua assenza possa ingenerare un effetto domino presso le marche che non hanno ancora definito il contratto di partecipazione. Inoltre, le numerose defezioni preoccupano gli organizzatori per il possibile impatto negativo sul numero dei visitatori.

Il marchio Volkswagen” – recita una nota stampa della filiale francese – “rivaluta costantemente la pertinenza della propria partecipazione ai saloni internazionali dell’automobile. Queste valutazioni si basano principalmente sugli scenari e le campagne di lancio dei nuovi prodotti. Dopo aver studiato la propria strategia di comunicazione per il 2018, l’azienda ha concluso che non parteciperà al Mondial de l’automobile de Paris con un proprio stand. Di contro, il marchio Volkswagen valuterà concretamente la possibilità di essere presente a Parigi non con uno stand ma con attività differenti”.

Salone di Parigi 2018
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/144414359@N08/27211916304

La rinuncia della Opel

Il forfait della Volkswagen segue di alcuni giorni la rinuncia di un altro marchio tedesco: anche Opel al Salone di Parigi 2018 non ci sarà. Il marchio tedesco, dopo l’acquisto da parte del Gruppo PSA, sta affrontando un periodo di ristrutturazione transitoria, ed era già stato assente al Salone di Ginevra.

In un comunicato ufficiale, la Opel aveva fatto sapere che “valuterà i saloni caso per caso, in funzione dell’esposizione mediatica e dei prodotti“. Autoactu.com sottolinea come si tratti di una scelta che riflette la nuova linea aziendale del CEO Carlos Tavares, più orientato a valutazioni economiche che non di carattere politico (PSA è tra gli azionisti dell’evento). Il dirigente portoghese avrebbe giudicate eccessive le spese necessarie per uno stand Opel a Parigi, tra affitto dello spazio, costi di allestimento e retribuzione del personale necessario. Inoltre, l’azienda tedesca non ha in programma il lancio di alcuna significativa novità di gamma.

C’è infine da dire che se a Parigi mancheranno tante firme illustri del panorama automobilistico, l’evento che aprirà il nuovo anno, ovvero il North American International Auto Show (alias, il Salone di Detroit 2019) in programma a gennaio pare destinato a registrare altrettante assenze. Infatti Mazda, Mini, Volvo, Porsche, Mitsubishi, Jaguar e Land Rover hanno già reso noto che non vi prenderanno parte.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/148140993@N05/35293959841

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/144414359@N08/27211916304

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 16-05-2018

Redazione Napoli