L’imprenditore Salvatore Ligresti è deceduto dopo una lunga malattia. Originario della Sicilia, l’immobiliarista ha creato un impero a Milano ma è stato anche al centro di alcuni casi giudiziari.

MILANO – Salvatore Ligresti è morto all’Ospedale San Raffaele di Milano dopo una lunga malattia. L’immobiliarista era nato a Paternò (Catania) il 13 marzo 1932.

La carriera imprenditoriale e finanziaria

Salvatore Ligresti, dopo la laurea in ingegneria, si è stabilito nel capoluogo lombardo. Anno dopo anno, grazie a importanti intrecci – tra i quali quello con Enrico Cuccia -, è diventato una delle figure di maggior spicco della finanza meneghina. Negli Anni ’80 Ligresti è uno degli uomini più ricchi d’Italia grazie alle attività immobiliari. Con i proventi del mattone, entra nei salotti buoni della finanza: grazie a un complesso sistemi di scatole cinesi (da qui il soprannome di Mister 5%), Salvatore Ligresti entra nei patti di sindacato dei colossi Mediobanca, Fonsai-Sai, Pirelli e Gemina. Ex membro del consiglio di amministrazione di UniCredit e Rcs, è stato presidente onorario di Premafin Finanziaria, Fondiaria-Sai, Milano Assicurazioni, Immobiliare Lombarda.

Le inchieste

Salvatore Ligresti è stato coinvolto nello scandalo di Tangentopoli: nel 1992 venne arrestato per corruzione nell’ambito dello scandalo sugli appalti per la costruzione della metropolitana di Milano e delle Ferrovie Nord. Trascorse 112 giorni presso il carcere di San Vittore e fu condannato a due anni e quattro mesi, ma con l’affidamento ai servizi sociali e lavoro per la Caritas ambrosiana al posto del carcere. Nel 2017, il Tribunale di Milano ha condannato Salvatore Ligresti a cinque anni di carcere e 100 mila euro di multa nel processo per la presunta manipolazione del mercato sui titoli Premafin.


Il 16 maggio 2014 moriva Vito Favero, secondo al Tour de France 1958

Sessantacinque anni fa nasceva il tempio dello sport italiano