Matteo Salvini contro il reddito di cittadinanza. Il leader della Lega: “Si è dimostrato un fallimento assoluto”.

ROMA – Matteo Salvini contro il reddito di cittadinanza. In una diretta su Facebook, riportata da La Repubblica, il leader della Lega è ritornato a criticare duramente la misura: “Il provvedimento va cancellato assolutamente. A settembre proporremo un testo e io metterò la prima firma all’emendamento […]. Tre anni fa poteva avere un senso, ma si è dimostrato un fallimento assoluto […]. La nostra proposta è semplice: con i soldi che si risparmiamo sul reddito di cittadinanza si rinviano le cartelle esattoriali e si finanzia Quota 100. Conto che sul taglio delle tasse, sulle cartelle esattoriali tutto il Centrodestra unito […]“.

Salvini: “Solo così si può dare ossigeno all’economia”

Il numero di via Bellerio ha inoltre precisato che “il reddito di cittadinanza sta disincentivando il lavoro e incentivando il lavoro nero, la disoccupazione, la concorrenza al ribasso: averlo fatto è stato un errore. A settembre noi siamo pronti ad eliminare il provvedimento e a difendere quota 100 e per 60 milioni di cartelle che stanno arrivando, saldo e stralcio e rottamazione. E’ l’unico modo di dare ossigeno all’economia […]. Nella vita si fanno errori, vanno riconosciuti e bisogna rimediare“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Alleanza Salvini e Renzi contro il reddito di cittadinanza

Possibile una alleanza tra Salvini e Renzi contro il reddito di cittadinanza. Nelle scorse settimane il leader di Italia Viva aveva annunciato l’intenzione di dare vita nel 2022 ad un referendum per eliminare la misura, ma ora non si esclude la possibilità di sostenere l’emendamento della Lega.

Per il premier Draghi si prospetta un autunno caldo e lo stesso presidente del Consiglio, in caso di altre tensioni all’interno della maggioranza, potrebbe decidere di salire al Colle e in questo caso il voto potrebbe arrivare la prossima estate.


Bonomi contro Orlando: “La sua è pura propaganda anti-impresa”

Estate in ripresa per spiagge e ristoranti. Soffrono le città d’arte