Continua la tensione tra Lega e M5S. Salvini punta a sforare i parametri sul deficit, Di Maio ponte l’accento sulla questione dello spread.

ROMA – Dopo il caso Siri, nuovo scontro tra la Lega e il Movimento 5 Stelle. E il botta e risposta, indiretto, ha riguardato proprio Salvini e Di Maio. In particolare, i due vice-premier si sono “beccati” sul tema dell’equilibrio dei conti, con il leghista che intende sforare i parametri di Maastricht e con il grillino che teme un aumento dello spread.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

“Sfondare il 3%”

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è stato ospite della trasmissione Rai ‘Porta a porta’. Il leader del Carroccio, a poco più di una settimana dalle elezioni europee, ha dichiarato: “Superare il 3%? “Non si può, si deve. È mio dovere superare i vincoli europei se affamano le famiglie italiane. Il limite delle 3% è l’ultima delle mie preoccupazioni. Fino a che non arriveremo al 5% di disoccupazione in Italia spenderemo tutto quello che dovremo spendere. Se qualcuno a Bruxelles si lamenta ce ne faremo una ragione“. 

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

“Irresponsabile far aumentare lo spread”

A stretto giro di posta, ha replicato il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio. Prima di un incontro con gli imprenditori umbri nella sede di Confindustria Umbria, a Perugia, il leader pentastellato ha così risposto a Salvini: “Prima di spararle sul rapporto debito-pil mettiamoci a tagliare tutto quello che non è stato tagliato in questi anni di spese inutili, di grande evasione e di tagli agli enti locali“. “E’ abbastanza irresponsabile far aumentare lo spread in questo modo come sta accadendo in queste ore, parlando di sforamento del rapporto debito-pil che è ancora più preoccupante dello sforamento del rapporto deficit-pil“. “Le imprese – ha ricordato Di Maio – chiedono stabilità al Paese e sono quel tessuto produttivo che permette di creare lavoro“.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-05-2019


L’Ue gela l’Italia: chi fugge dalla tortura non può essere respinto o rimpatriato

FI, Comi indagata per finanziamento illecito