Sanità in Calabria, arrivate le dimissioni di Giuseppe Zuccatelli: “E’ stata una richiesta del ministro Speranza”.

CATANZARO – Giuseppe Zuccatelli non è più il commissario alla Sanità in Calabria. Il passo indietro è arrivato il 16 novembre dopo un breve colloquio con il ministro Speranza. “Mi ha telefonato e non ha avuto bisogno di darmi spiegazioni – ha ammesso il manager, riportato da La Repubblicanon so chi mi sostituirà, ma so che mi dimetto da tutti gli incarichi che ho in Calabria“.

Decisive le pressioni di M5s e Italia Viva

La decisione del ministro Speranza è stata presa dopo le ultime richieste avanzate da M5s e Italia Viva. Entrambi i partiti di maggioranza nelle ultime ore avevano aumentato il pressing per arrivare alle dimissioni di Giuseppe Zuccatelli.

Il presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, si era detto pronto a non votare il Decreto Calabria in caso di mancato inserimento nel provvedimento del nome di Gino Strada. Pressioni che hanno costretto il ministro della Salute a fare un passo indietro e chiedere a Zuccatelli (manager candidato proprio con il partito di Speranza nel 2018 n.d.r.) le dimissioni. E nelle prossime ore dovrebbe essere nominato il nuovo commissario.

Regione Calabria
fonte foto https://www.facebook.com/RegioneCalabria2020/

In Calabria la coppia Gaudio-Strada?

Secondo le ultime indiscrezioni, non sarebbe Gino Strada in prima persona a ricoprire il ruolo di commissario. Il fondatore di Emergency dovrebbe essere coinvolto nella nuova goverance affiancato dall’ex rettore della Sapienza Eugenio Gaudio.

La decisione definitiva, come riferito da La Repubblica, sarà presa dal premier Conte, sceso in campo per arrivare ad un compromesso. “Sarà un tecnico e lo sceglierà direttamente il presidente del Consiglio. Non sarà fra quelli già in servizio in Calabria“, fanno sapere da Palazzo Chigi. E la formalizzazione di queste due nomine potrebbe arrivare già nel prossimo Consiglio dei ministri.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/RegioneCalabria2020/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Cenoni, parenti e shopping: verso il decreto di Natale

Manovra, scontro tra i sindacati e Conte. Il premier: “Non ho mai parlato di concertazione”