Nella stagione 2015/16, Sassuolo-Milan è ancora una volta una “trappola” per i rossoneri. La formazione di Mihajlovic perde dopo una serie utile di nove gare. Dopo un mese sarà esonero…

Domani sera al “Mapei Stadium” ci sarà il fischio d’inizio di Sassuolo-Milan. Per i rossoneri sarà un match difficile con Montella che rischia grosso. D’altro canto, sul terreno dei neroverdi, nel recente passato, ci hanno lasciato le penne diversi allenatori del Diavolo. Se Allegri fu esonerato proprio dopo un 4-3 inflitto dai ragazzi di Di Francesco, nella stagione successiva è toccato a Inzaghi subire la dura legge del Sassuolo che ha aperto una crepa importante nel finale di stagione del Milan, sancendo la fine della corsa all’Europa del club meneghino.

Buon avvio ma senza concretizzazione

Sassuolo-Milan del 6 marzo 2016 vede un inizio partita con gli uomini di Mihajlovic molto decisi: prima grande occasione con Bonaventura che impegna Consigli, il quale è reattivo sulla ribattuta ravvicinata di Honda; poi, è sempre il giapponese a impegnare il portiere di casa. I tentativi degli ospiti si susseguono con Antonelli e Kucka. Il Sassuolo si fa vedere dalle parti di Donnarumma con il tiro a lato di Sansone. Al 27′, il Milan subisce l’antica legge del gol sbagliato gol subito: corner battuto all’indietro e al limite dell’area arriva Duncan che batte Donnarumma con un sinistro potentissimo sotto l’incrocio.

Niente reazione

Dopo il gol subito, il Milan manca di reazione: Berardi impegna Donnarumma in un paio di occasioni prima che Sansone metta in rete il 2-0 su assist di Vrsaljko. Mihajlovic protesta in maniera veemente e l’arbitro lo espelle. Il Sassuolo resta poco dopo in dieci sul campo per la doppia ammonizione di Defrel. I rossoneri però non reagiscono in alcun modo e perdono dopo una serie utile di 9 gare. E dopo poco più di un mese Mihajlovic verrà esonero.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Duncan Mihajlovic milan Sansone Sassuolo Tutto Milan

ultimo aggiornamento: 04-11-2017


Ronaldo: “Io al Milan dopo l’Inter? Non mi pento, rifarei tutto”

Serie A, le probabili formazioni di Bologna-Crotone e Genoa-Sampdoria