Tragico sbarco di migranti sull’isola di Levanzo. Una persona ha perso la vita durante la traversata.

LEVANZO (TRAPANI) – Nuova tragedia in mare durante uno sbarco di migranti sull’isola di Levanzo, in provincia di Trapani. Nella notte tra il 20 e il 21 agosto, come scritto da La Repubblica, un gruppo di profughi è arrivato in terra siciliana e sono subito stati soccorsi da carabinieri, aeronautica e Guardia Costiera.

Le persone hanno riferito di almeno quattro dispersi. Un corpo senza vita è stato recuperato poco dopo, mentre tutti gli altri sono stati tratti in salvo e portati a riva. L’intero gruppo è stato trasferimento al porto di Trapani dove saranno ricollocati.

Si cerca una imbarcazione di più grandi dimensione

I ventitré migranti sono arrivati con un gommoncino, ma secondo le ipotesi i profughi sono giunti alle porte della Sicilia con una nave di più grandi dimensioni e per questo motivo sono iniziate tutte le ricerche del caso. Non sarà semplice risalire all’imbarcazione madre, ma la Guardia Costiera sta effettuando tutti gli approfondimenti per avere delle informazioni importanti.

Le persone arrivate sull’isola di Levanzo sono stati trasferiti tutti a Trapani dove saranno ricollocati nelle strutture per trascorrere il periodo di quarantena. Le condizioni sono buone e presto potrebbero essere ascoltate anche dagli inquirenti per avere più informazioni sulla partenza e sul viaggio.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Migranti
Migranti

Non si fermano gli sbarchi in Italia

Emergenza migranti che continua a caratterizzare l’estate italiana. Le partenze, infatti, sono continue e Lampedusa nei giorni scorsi ha nuovamente la capienza massima nell’hotspot.

Il tema degli sbarchi nei prossimi giorni potrebbe finire sul tavolo di Palazzo Chigi. Salvini, infatti, in passato non ha utilizzato parole molto dolci nei confronti della ministra Lamorgese e proprio la titolare del Viminale potrebbe essere al centro del prossimo incontro tra il leader della Lega e l’inquilino di Palazzo Chigi.


Morta Nicoletta Orsomando, storica annunciatrice della RAI

Scuola, i presidi: “Senza regole chiare ripartenza difficile”