Rottamazione ter e cartelle, le scadenze del mese di settembre. Riprende l’ordinaria attività di riscossione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Dopo la sospensione, a settembre riprendono le notifiche delle cartelle e le procedure di riscossione di tipo ordinario. Nonostante diverse forze politiche abbiano chiesto un nuovo slittamento delle scadenze, al momento nulla si muove. Quindi è bene avere in mente quelle che sono le prossime scadenze ed entrare nell’ordine di idee di rispettarle.

Rottamazione ter, le scadenze

Abbiamo già dedicato spazio alle scadenze della rottamazione ter, ma un ripasso rapido non guasta. Il 6 settembre scade il termine per il pagamento della rata del mese di maggio del 2020. Ricordiamo che la scadenza per il pagamento era quella del 31 agosto ma che è possibile pagare entro e non oltre il 6 settembre per i giorni di tolleranza riconosciuti dalla legge. Nel caso di mancato o parziale pagamento, decadono i benefici e le agevolazioni.

Le prossime scadenze da tenere a mente e fissare sul calendario sono:

entro il 30 settembre 2021 per le rate scadute il 31 luglio 2020

entro il 31 ottobre 2021 per la rata scaduta il 30 novembre 2020.

Inoltre il pagamento delle rate in scadenza nel 2021 deve essere corrisposto entro il prossimo 30 novembre.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

soldi euro
soldi euro

I pagamenti di settembre 2021: le scadenze

Per quanto riguarda il pagamento di cartelle e e avvisi scaduti prima dell’8 marzo 2020 (21 febbraio per i comuni della zona rossa), i contribuenti devono presto regolare i conti o chiedere la rateizzazione del pagamento per evitare che l’Agenzia proceda con l’apertura di una procedura di recupero.

Invece per quanto riguarda gli atti in scadenza tra l’8 marzo 2020 (21 febbraio per i comuni della zona rossa) e il 31 agosto 2021, il pagamento deve essere effettuato entro la fine del mese di settembre.

Per avere una panoramica completa sui pagamenti del mese di settembre vi consigliamo di consultare lo scadenzario messo a disposizione proprio dall’Agenzia delle Entrate sul proprio sito internet.

mani soldi euro
mani soldi euro

Come si paga

Ricordiamo che è possibile pagare presso la propria banca, agli sportelli bancomat (Atm) abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai aderenti a Banca 5 Spa e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul sito di Entrate Riscossione e con l’App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa

ultimo aggiornamento: 04-09-2021


4 settembre 1998, fondazione di Google: un impero da 740 miliardi

Forum Ambrosetti, Mattarella: “L’Ue ha bisogno di sovranità condivisa”