Scandalo politico: arriva la conferma del ministro Urso
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Scandalo politico: arriva la conferma del ministro Urso

Adolfo Urso

Il ministro Adolfo Urso tra le vittime del dossieraggio.

Anche il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso ha rivelato di essere stato vittima di un’incursione indesiderata nelle proprie comunicazioni elettroniche.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Anch’io ho subito la violazione della mail durante la presidenza del Copasir. E ne ho fatto oggetto di una denuncia alla Procura di Roma“. Con queste parole, Urso ha condiviso la sua esperienza in commissione di Vigilanza Rai, sollevando ulteriori interrogativi sulla sicurezza informatica e sulla privacy dei dati personali dei politici.

Adolfo Urso
Adolfo Urso

Caso Urso: un intreccio di indagini

Il caso di Urso si inserisce in un quadro più ampio, oggetto di un’indagine condotta dalla Procura di Perugia, inizialmente scaturita da una denuncia del ministro della Difesa Guido Crosetto.

La sorprendente coincidenza temporale tra gli accessi non autorizzati ai dati bancari di alcuni esponenti politici e la sottrazione di documenti dalla mail privata del ministro delle Imprese e del Made in Italy sottolinea la complessità e l’ampiezza dell’attacco informatico.

Entrambi gli episodi, verificatisi nell’agosto del 2022, in piena campagna elettorale, suggeriscono un’operazione coordinata volta a influenzare o quantomeno monitorare il panorama politico italiano.

Il dossieraggio come strumento di pressione

Il tentativo di dossieraggio nei confronti di Urso, caratterizzato dalla sottrazione di documenti dalla sua mail privata, rappresenta un tassello di un mosaico più grande che coinvolge anche altri esponenti di spicco, tra cui Lollobrigida e Marta Fascina.

Questi episodi sollevano interrogativi non solo sulla sicurezza delle comunicazioni elettroniche ma anche sull’utilizzo delle informazioni raccolte come strumento di pressione politica o finanziaria. Di fronte a tali rivelazioni, la risposta delle istituzioni e degli organi di sicurezza sarà cruciale per ristabilire l’ordine.

La denuncia di Urso alla Procura di Roma e l’indagine in corso a Perugia sono passi importanti verso la comprensione e la neutralizzazione delle minacce informatiche che pendono sul panorama politico italiano.

Arriva la guardia di finanza

La Lega esorta all’ascolto dei dirigenti della Guardia di Finanza a fronte delle scoperte preoccupanti. “L’inchiesta sugli spioni che illegalmente scrutavano i dati di numerosi cittadini, prevalentemente di orientamento centrodestra e in modo particolare legati alla Lega, dipinge una realtà allarmante,” afferma il partito di Matteo Salvini attraverso un comunicato.

Con convinzione, il partito dichiara: “Confidiamo che i vertici delle Istituzioni agiranno con una chiarezza inconfondibile e richiederemo che il Copasir indaghi a fondo sulla vicenda, mirando a una totale trasparenza riguardo ai fatti, iniziando dalle audizioni sia degli attuali che dei passati dirigenti della Guardia di Finanza e dell’Antimafia. Ci troviamo di fronte a un vero e proprio attacco alla Repubblica e alla democrazia,

Prosegue il comunicato, evidenziando un attacco “che vede coinvolti la Magistratura, la Guardia di Finanza e giornali di sinistra, con il risultato che, in diverse occasioni, le Procure hanno avviato indagini basate su presunti scoop derivati da notizie fabbricate ad arte con l’uso di dati acquisiti illegalmente“.

I nomi coinvolti

Tra le figure al centro delle indagini, come riportato dai principali giornali di oggi, figurano membri attuali del governo, inclusi i ministri Francesco Lollobrigida, Marina Elvira Calderone, Gilberto Pichetto Fratin, Adolfo Urso, e i sottosegretari Andrea Delmastro e Giovanbattista Fazzolari. Anche personalità politiche come Marta Fascina, deputata di Forza Italia e compagna dell’ex premier Silvio Berlusconi, e Olivia Paladino, partner di Giuseppe Conte, sono state oggetto di indagine.

Figure come Matteo Renzi e Marco Carrai sono anch’essi menzionati, insieme a nomi noti al di fuori della politica quali il cantante Fedez, l’ex presidente della Juventus Andrea Agnelli, l’allenatore Massimiliano Allegri, il calciatore Cristiano Ronaldo, e il presidente della FIGC Giuseppe Gravina. L’indagine è stata avviata in seguito a una denuncia del Ministro della Difesa, Guido Crosetto. Tra gli altri nomi esaminati vi sono l’ex parlamentare Denis Verdini, ora in carcere, l’ex presidente della Camera dei deputati Irene Pivetti, l’avvocato Piero Amara, e l’imprenditore-editore Francesco Gaetano Caltagirone.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2024 14:21

L’accusa di Conte contro Giorgia Meloni: “Mi sarei vergognato”

nl pixel