Davide Caddeo lascia il carcere e ottiene i domiciliari. È il trentenne che accoltellò Niccolò Bettarini. Condannato a nove anni, proseguirà la detenzione ai domiciliari frequentando un centro di cura e recupero.

Esce dal carcere il trentenne che accoltellò il figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura. Condannato inizialmente a nove anni, Davide Caddeo (30 anni) ha ottenuto i domiciliari e dovrà frequentare un centro di cura e riabilitazione per tossicodipendenti.

Scarcerato Davide Caddeo, l’aggressore di Niccolò Bettarini. Era stato condannato a nove anni con l’accusa di tentato omicidio aggravato

Alla luce della difficile situazione famigliare del ragazzo, il gip ha optato per una funzione maggiormente rieducativa della pena con lo scopo e la speranza di recuperare il giovane, che proprio attraverso il centro dovrebbe essere reintrodotto nel mondo del lavoro.

Nonostante la consistenza della pena – recita il documento del Gip – e i precedenti penali dell’imputato […] devono essere tenute in considerazione […] la storia di difficile vita familiare con genitori dipendenti dall’eroina ed il padre a lungo detenuto“. Proprio la difficile situazione avrebbe spinto Caddeo “ad una precoce dipendenza da sostanze stupefacenti e alla commissione di una serie di reati“.

Tribunale Milano
fonte foto https://www.facebook.com/Dj.Riccio90

L’aggressione a Niccolò Bettarini

Davide Caddeo aveva preso parte alla colluttazione in cui rimase gravemente ferito Niccolò Bettarini, figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura. Caddeo, riconosciuto come aggressore materiale, era stato condannato a nove anni di reclusione alla luce delle accuse di tentato omicidio aggravato. Le persone che si trovavano con lui hanno beneficiato delle attenuanti assicurandosi pene meno severe.


Caso Fonsai, annullate le condanne a ex manager

Maltempo in Italia, il forte vento ribalta i camion in Calabria (video)