Le scarpe di Michael Jordan sono state vendute all’asta per 1,47 milioni di dollari. L’acquisto è stato fatto da Nick Fiorella.

NEW YORK (STATI UNITI) – Le scarpe di Michael Jordan sono state vendute all’asta per 1,47 milioni di dollari, battendo il record per questo tipo di oggetti. Come riportato da TgCom24, si tratta delle sneakers che lo stesso cambiano di basket ha indossato nella stagione 1984, anno che ha visto la Nike creare la prima linea in collaborazione con uno dei giocatori forse più forti di sempre.

Come detto, è la prima volta che viene superato il milione di dollari in un’asta e ad aggiudicarsi questo oggetto è stato il collezionista Nick Fiorella, sicuramente una personalità molto conosciuta in questo settore per la continua partecipazione a questi eventi.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Michael Jordan nella storia

E’ stata un’asta storica. Ad oggi, infatti, mai nessun oggetto simile era riuscito ad essere venduto ad una cifra superiore al milione di dollari, ma l’importanza di un atleta come Michael Jordan ha spinto il collezionista Nick Fiorella a spendere tutti questi soldi per assicurarsi le prime scarpe dell’ex cestita.

Si tratta, come detto, di un acquisto sicuramente importante e destinato a rimanere nella storia del basket. Nei prossimi anni non sarà per nulla semplice battere questa cifra.

Michael Jordan
Michael Jordan

Le scarpe dell’ex cestista

Si tratta delle scarpe che l’ex cestista ha indossato nella sua prima stagione da matricola nel 1984. Un inizio di una carriera molto importante che lo ha portato ad essere uno dei giocatori più forti di sempre.

Nei prossimi anni lo stesso Jordan potrebbe mettere all’asta altri simboli della sua lunga avventura da professionista e non si esclude la possibilità di superare il record firmato in questa asta. E chissà se sarà ancora una volta Nick Fiorella ad aggiudicarsi gli altri oggetti dell’ex giocatore di basket.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 25-10-2021


Rc Auto, Ue: si deve pagare anche se la macchina non viene usata

Caso Mps, i sindacati: “No al taglio del personale”