Scherma, Lipsia 2017: Paolo Pizzo magico. Irene Vecchi sul podio

Continua nel migliore dei modi la spedizione azzurra ai Mondiali di scherma a Lipsia. Altre due medaglie conquistate.

chiudi

Caricamento Player...

Dopo il doppio podio di ieri nel fioretto femminile, la pedana di Lipsia si dipinge ancora una volta di azzurro. Nella spada maschile uno straordinario Paolo Pizzo è ritornato sei anni dopo sul tetto del mondo. Il siciliano ha sconfitto in finale l’estone Nikolai Novosjolov in una finale pazzesca decisa quasi all’ultima stoccata: “Bisogna credere – dice a caldo – nei sogni. Un’emozione grandissima che auguro a chiunque faccia sport. Ho lavorato tantissimo ed ora voglio godermi questo trionfo”. Arriva anche la dedica: “A Catania avevo al mio fianco il maestro Oleg Pouzanov. Lui oggi mi ha guidato dal cielo, la spada era come se toccasse da sola. Grazie a chi ha fatto le sue veci, ma il mio pensiero è tutto per lui“.

Irene Vecchi bronzo nella sciabola femminile.

Le buone notizie per i colori azzurri non terminano qui. Una grande Irene Vecchi è ritornata sul podio mondiale dopo Budapest 2013, conquistando ancora una volta un bronzo. L’azzurra in semifinale è stata sconfitta all’ultima stoccata dalla tunisina Azza Bebes. Sicuramente qualche rimpianto per l’italiana che poteva arrivare in finale ma sicuramente questo è un ottimo punto di partenza.