Il premier Conte si ritrova al centro di uno scontro tra Pd e Movimento 5 Stelle sulle alleanze a livello locale.

In maniera assolutamente involontaria, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha acceso la miccia della discussione tra il Pd e il Movimento 5 stelle, che discutono (anche animatamente) sul tema delle alleanze.

Alleanza tra Pd e Movimento 5 Stelle, Conte al centro della contesa

Il Presidente del Consiglio si è augurato che Pd e M5s possano intraprendere una collaborazione a livello locale. L’ultimo voto sulla piattaforma Rousseau in effetti sembrava indicare proprio questa strada. Invece dal Movimento 5 Stelle è arrivata una chiusura netta, una smentita secca che porta la firma del capo politico Vito Crimi. E il repentino passo indietro del numero uno pentastellato non ha fatto particolarmente piacere al Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti, che probabilmente pregustava una nuova stagione politica.

Giuseppe Conte
Roma 20/08/2019 – Crisi di Governo. Discorso del presidente del Consiglio al Senato della Repubblica / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

Di Maio corregge il tiro

Dopo una giornata trascorsa all’insegna della tensione, Luigi Di Maio ha provato a correggere il tiro cambiando il punto di caduta della discussione. Il ministro degli Interni definisce legittime le dichiarazioni e le speranze di Conte, difende l’autonomia del Movimento 5 Stelle e invita al dialogo e alla collaborazione lì dove possibile.

Giuseppe Conte Luigi Di Maio
Roma 10/09/2019 – voto sulla fiducia al Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio

La posizione (scomoda) di Conte

In effetti quella del premier Conte non sembrava assolutamente una provocazione o un ultimatum al M5s. Alla luce del voto degli iscritti alla piattaforma Rousseau, che hanno dato il loro via libera al mandato zero e alle alleanze con i partiti tradizionali, il Presidente del Consiglio si è augurato una collaborazione anche in vista delle tornate elettorali in Puglia e nelle Marche. Dove la collaborazione sembra impossibile alla luce delle recenti battaglie politiche. Insomma, la sensazione è che sia il MoVimento a dover giustificare la contraddizione di fondo.

Di certo il Presidente del Consiglio vuole evitare di rimanere invischiato in una lotta interna tra le due forze di maggioranza del governo. Non vuole prendere una posizione e non vuole farsi tirare per la giacca. Comprensibilmente e legittimamente.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza Giuseppe Conte movimento 5 stelle pd politica

ultimo aggiornamento: 21-08-2020


Scuola, Arcuri: “Si riparte il 14 settembre in sicurezza”

Coronavirus in Italia, scuola ed elezioni sono davvero ‘al sicuro’?