Sciopero dei mezzi in Italia dell’1 giugno: da Roma a Milano possibili disagi per i passeggeri.

ROMA – Martedì 1 giugno nuovo sciopero dei mezzi in Italia. Per il mancato rinnovo del contratto nazionale, i sindacati hanno deciso di incrociare le braccia alla vigilia del primo ponte post restrizioni. Una scelta destinata a provocare diversi disagi soprattutto in ottica distanziamento sui veicoli.

Sciopero dei mezzi 1 giugno, i dettagli

Lo sciopero coinvolgerà sia i mezzi pubblici che Ferrovie dello Stato. Fs ha deciso di sospendere tutte le corse previste per martedì 1 giugno. Resteranno, invece, garantite le fasce di garanzia. Servizio molto simile anche nelle città italiane con gli spostamenti dei mezzi ridotti al minimo.

A Roma, per esempio, i bus, i tram e le metropolitane lavoreranno nelle fasce di garanzie fino alle 8:30 e dalle 17 alle 20. A Milano, invece, il trasporto sarà garantito fino alle 8:45 e dalle 15 alle 18. Nelle altre fasce orarie i mezzi pubblici potrebbero non essere in funzione per l’agitazione. Le aziende, comunque, consigliano di consultare i propri siti ufficiali per verificare eventuali cambiamenti.

Autobus Roma
Autobus Roma

I motivi dello sciopero

I motivi dello sciopero sono stati annunciati dai sindacati in una nota riportata da quifinanza.it: “Governo, Regioni ed enti locali devono sapere che, nonostante alle aziende siano arrivati i previsti contributi pubblici economici, gli autoferrotranvieri aspettano il rinnovo del contratto, scaduto il 31 dicembre 2017. Autoferrotranvieri e internavigatori rivendicano legittimamente il diritto al rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre tre anni, chiedendo di sanare criticità come quelle dei titoli abilitativi, del basso salario e della salute e della sicurezza sul lavoro. Questa situazione dimostra che non è più rinviabile una riforma del settore, che favorisca le aggregazioni delle oltre 900 aziende esistenti per uno sviluppo del settore che elimini diseconomia, inefficienze, sprechi, oltre che una bassa qualità del servizio“. Agitazione destinata a causare diversi problemi alla circolazione.


Autostrade allo Stato e 2,4 miliardi ai Benetton

Non ce l’ha fatta Jason Dupasquier, la Procura apre un’inchiesta sulla morte