Sciopero dei trasporti il 24 Gennaio: orari e fasce garantite
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Sciopero dei trasporti il 24 Gennaio: orari e fasce garantite

Sciopero dei trasporti il 24 Gennaio: orari e fasce garantite

Il 24 gennaio 2024 segna una data significativa nel calendario dei trasporti pubblici italiani: uno sciopero nazionale coinvolge bus, tram e metro.

Il 24 gennaio 2024 segna un momento cruciale per il settore dei trasporti pubblici in Italia. I lavoratori del settore hanno proclamato per oggi uno sciopero nazionale di 24 ore, coinvolgendo mezzi pubblici come bus, tram e metro. Questa azione, guidata da sindacati di base come Cobas Lavoro Privato, Cub Trasporti, Usb, Adl, Sgb, Associazioni lavoratori Cobas e Orsa, si fonda su richieste ben precise: salario adeguato, sicurezza e diritti.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Le parole d’ordine “Salario, sicurezza e diritti” risuonano fortemente tra le richieste dei sindacati. In un contesto di crescente insoddisfazione per le condizioni lavorative, la decisione di procedere con uno sciopero sottolinea la serietà delle rivendicazioni. I sindacati hanno messo in evidenza il bisogno di una politica industriale più equa e contraria alle cosiddette “gabbie salariali“, termine utilizzato per descrivere una struttura salariale limitante e ingiusta.

Sciopero manifestazione

Sciopero dei trasporti: servizi garantiti e impatto sull’utenza

Nonostante lo sciopero, è prevista la garanzia del servizio durante le cosiddette fasce di legge, ossia da inizio servizio diurno fino alle 8:29 e dalle 17:00 alle 19:59. Questo assicura un minimo di operatività durante le ore di maggiore affluenza, limitando così l’impatto negativo sugli utenti che dipendono dai trasporti pubblici per i loro spostamenti quotidiani. Tuttavia, l’impatto dello sciopero sarà comunque significativo, in quanto interromperà la normale routine di migliaia di persone.

Contesto più ampio e altre agitazioni

Questo sciopero non è un evento isolato ma fa parte di un contesto più ampio di agitazioni nel settore dei trasporti. Ad esempio, è in programma un’altra protesta a Roma da parte dei tassisti affiliati all’Usb, oltre a uno sciopero nazionale del personale delle attività ferroviarie fissato per il 12 febbraio. Questi eventi sono espressione di un malcontento generale nel settore, dovuto a una percezione di disinvestimento da parte delle istituzioni e alla pressione di privatizzazione e sfruttamento da parte di entità private e multinazionali.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2024 9:24

Nasce la pillola Simnotrelvir: guarigione più veloce contro il Covid-19

nl pixel