Scomparsa Paolo Villaggio: il cordoglio del mondo della politica e dello spettacolo

La morte del celebre comico genovese è stata salutata da colleghi e amici, consci all’unanimità di aver perduto ‘un talento straordinario’.

chiudi

Caricamento Player...

Se n’è andato quest’oggi Paolo Villaggio, tra i più grandi geni della comicità del nostro Paese, creatore del mitico ragionier Fantozzi ma non solo. Un attore a volte discusso, da tutti rispettato e amato. Lo conferma il cordoglio espresso dall’intero mondo dello spettacolo ma anche dalla politica, a cominciare dal premier Paolo Gentiloni, che su Twitter ha celebrato il comico genovese: “Ricordo #PaoloVillaggio talento comico straordinario ha insegnato a generazioni di italiani a riconoscere i propri tic“. Anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha dedicato un messaggio al defunto attore: “Addio a #PaoloVillaggio e ai suoi personaggi, maschere amare di un certo costume italiano entrato nel nostro lessico e nella nostra memoria“. “#PaoloVillaggio ci ha fatto ridere del peggio di noi stessi, smascherandolo e trasformando in comico il lato ‘tragico’ della vita“, ha scritto il presidente del Senato Pietro Grasso, mentre la sindaca di Roma Virginia Raggi: “Con lui va via un grande protagonista del cinema, del teatro e della televisione italiana. Un artista che attraverso la sua profonda e originale ironia, i suoi personaggi e le sue maschere ha rappresentato la società degli ultimi decenni e regalato sorrisi e riflessioni a intere generazioni“. Lungo messaggio su Facebook anche da parte del segretario del Pd, Matteo Renzi: “Alzi la mano chi non ha mai riso, sofferto, pensato davanti a un suo personaggio, davanti a una delle sue battute o dei suoi personaggi. Nessuno, non alza la mano nessuno. Perché Paolo Villaggio è stato capace di questo: portare il proprio talento in casa di tutti gli italiani, anche di quelli che non lo amavano troppo. Questo significa secondo me essere un artista straordinario e per qeusto, quando sei ai titoli di coda, puoi solo dire grazie, senza retorica“.

Paolo Villaggio, il saluto dei colleghi

Tanti, tantissimi anche i messaggi dal mondo dello spettacolo. Anna Mazzamauro, alias signorina Silvani, ha commentato su Facebook: “È morta anche la mia giovinezza. Fantozzi è stato l’unico uomo che mi abbia veramente amato. Anna Silvani“. Più lungo il ricordo di Roberto Benigni: “La notizia mi ha avvolto il cuore di tristezza. Paolo Villaggio è stato il più grande clown della sua generazione. Un bambino spietato, rivoluzionario e liberatorio. Fantozzi ci rappresenta tutti, ci umilia e ci corregge, con lui tutte le persone anonime hanno trovato il loro Signore. È stato la persona più imprevedibile e pura che abbia mai conosciuto. Grazie caro Paolo, ti siamo debitori di una gioia immensa“. La regista Maria Sole Toganzzi: “Dio che dolore fortissimo. Buon viaggio Paolo e ora corri da lui ti prego…“, con riferimento al padre, il grande Ugo.