Scomparsa 35enne a Pesaro, il padre: "Si trova in grave pericolo di vita"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Scomparsa 35enne a Pesaro, il padre: “Si trova in grave pericolo di vita”

cane della polizia impegnato nelle ricerche

Appello del padre per la ricerca di Sara Tommasini, scomparsa da un reparto di psichiatria a Pesaro e in pericolo di vita.

La città di Pesaro è al centro di una situazione inquietante: Sara Tommasini, 35 anni, è scomparsa in circostanze preoccupanti, si trova in pericolo di vita. Il suo allontanamento dal reparto di psichiatria di Muraglia, registrato intorno alle 10:30 di ieri, ha innescato una vasta operazione di ricerca.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

cane polizia ricerche

L’appello del padre di Sara

Cosimo Tommasini, padre di Sara, ha diffuso un appello urgente attraverso i social network, sottolineando che la figlia è in “grave pericolo di vita“. Descrivendo l’abbigliamento di Sara al momento della sparizione – una felpa blu, pantaloni di tuta grigi e ciabatte crocs – fornisce dettagli cruciali per il suo riconoscimento. I capelli castani chiari di Sara erano probabilmente raccolti, aggiunge.

L’assenza di mezzi di comunicazione e fondi monetari con cui si trova Sara aggrava la sua condizione di vulnerabilità. Il padre enfatizza l’importanza di contattare immediatamente le autorità in caso di avvistamento, evitando interazioni dirette con lei.

Il signor Tommasini esorta la comunità online a utilizzare la potenza dei social media per una causa vitale, chiedendo la massima diffusione dell’appello e di avvertire le forze dell’ordine o il 118 in caso di avvistamento.

Avvistamenti e ricerche in corso

Nonostante le segnalazioni di presunti avvistamenti al Parco Miralfiore e presso la stazione di Rimini, non sono stati trovati riscontri affidabili. Le operazioni di ricerca, coordinate dalle autorità, proseguono senza sosta.

L’appello di Cosimo Tommasini ha scatenato una vasta reazione online, con una condivisione capillare del messaggio. Questa mobilitazione dimostra l’efficacia dei social network nel sensibilizzare e coinvolgere la comunità in situazioni di emergenza.

La scomparsa di Sara Tommasini rappresenta un momento critico che coinvolge non solo la comunità locale di Pesaro, ma anche l’audience digitale più ampia. L’impiego dei social media come strumento di diffusione dell’appello e la cooperazione tra cittadini e autorità sottolineano l’importanza della sinergia comunitaria in situazioni di crisi. È fondamentale che questo impegno congiunto prosegua fino al ritrovamento sicuro di Sara.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2023 11:09

Tragedia Giulia Cecchettin: come è stata uccisa e l’appello a Filippo

nl pixel