Scontri fra gang in un carcere di Brasile. Il portavoce del penitenziario parla di 52 morti. Di questi sedici sono stati decapitati.

ALTAMIRA (BRASILE) – Scontri fra gang nel carcere di Altamira, in Brasile. A comunicare la ‘rivolta’ è stato il portavoce del penitenziario. La struttura ha precisato che anche due guardie sono state prese in ostaggio ma liberate al termine della guerriglia.

Il bilancio

Il bilancio della vicenda è molto grave: 52 i detenuti che sono rimasti uccisi in questi scontri e 16 di loro sono stati decapitati. Si tratta di un bilancio provvisorio visto che le autorità locali non hanno comunicato la presenza di persone ferite.

Sugli scontri è stata aperta un’inchiesta per capire meglio cosa è successo nella struttura. Ma secondo una prima ricostruzione, un’organizzazione criminale ha attaccato un gruppo rivale bloccando le entrate e dando fuoco allo spazio. Alcuni detenuti sono morti per asfissia.

Ambulanza
Ambulanza

La vicenda

Secondo quanto riportato dalle autorità locali, la guerriglia è scoppiata nelle prime ore di lunedì 29 luglio 2019 ed è durata per almeno 5 ore quando i detenuti del gruppo A hanno attaccato una banda rivale che si trovava nella parte attigua.

Scontri che hanno provocato la morte di 52 persone anche se non è stata comunità l’identità e la fazione delle vittime. Il bilancio, però, rischia di essere aumentare visto che ci dovrebbero essere anche diversi feriti.

Non è la prima volta che in un carcere brasiliano succedono episodi simili. Solo a maggio 2019 55 prigionieri hanno perso la vita in quattro carceri diversi. La tensione nelle celle continua ad essere elevata e non è escluso che in futuro ci possano essere altre vicende uguali a quelle di Altimira. Una struttura carceraria che può contenere 200 detenuti ma per questioni di mancanza di poste ne ha 311. E la rivoluzione fra gang ha procurato la morte di 52 detenuti.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Brasile Carcere carcere brasile esteri scontri gang

ultimo aggiornamento: 29-07-2019


Si è spenta Russi Taylor, la voce di Minnie

30 luglio, Muhammad VI sale al trono del Marocco. Vent’anni di regno del “modernizzatore”