Supercoppa Primavera, agguato dei tifosi dell’Inter dopo la finale contro il Torino

I tifosi dell’Inter hanno preparato un agguato ai supporter del Torino al termine della finale di Supercoppa Primavera vinta dai granata.

SESTO SAN GIOVANNI (MI) – I tifosi dell’Inter sono protagonisti ancora di un episodio negativo. Nella serata di mercoledì 20 febbraio 2019 una ventina di supporters nerazzurri sono stati protagonisti di un agguato ad un gruppo di ultrà del Torino che erano saliti sul pulmino per tornare a casa.

Secondo quanto raccontato dai media locali, il gruppo di teppisti armati con sassi e bastoni hanno preso di mira i tifosi granata ferendo quattro persone. E’ stato decisivo l’intervento dei carabinieri e della polizia che hanno fermato la furia dei supporters nerazzurri. Gli inquirenti fino a questo momento hanno fermato una sola persona che nelle prossime ore sarà interrogato per capire se si è trattato di un agguato premeditato oppure di un qualcosa decisa sul momento.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Primavera, agguato dei tifosi dell’Inter: quattro supporter granata feriti

Gli inquirenti sono al lavoro per cercare di identificare gli altri responsabili di questa aggressione. Al momento l’agguato molti punti da chiarire e le parole dell’unico fermato potrebbero essere fondamentali per accertare meglio la dinamica. Da capire se si è trattato di un attacco premeditato oppure deciso all’istante. Ma anche se la ventina di persone erano all’interno dello stadio o si sono recati all’esterno del campo per creare disordini.

Tutti interrogativi che potrebbero essere risolti dai filmati delle telecamere di sorveglianza e dai testimoni della vicenda. Il bilancio è di quattro feriti, con i supporters granata che saranno ascoltati dagli inquirenti. Un nuovo episodio che vede i tifosi nerazzurri protagonisti in negativo. La vicenda arriva a poco meno di due mesi dagli scontri prima di Inter-Napoli che è costata la vita a Daniele Belardinelli. Non sono esclusi provvedimenti che potrebbero toccare la prima squadra.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/

ultimo aggiornamento: 21-02-2019

X