Scontro a fuoco in Afghanistan, morti due soldati Usa. Il comando militare americano a Kabul sta ricostruendo la dinamica.

KABUL (AFGHANISTAN) – Scontro a fuoco in Afghanistan nella notte italiana tra l’8 e il 9 febbraio 2020. Secondo quanto riferito da fonti americane citate da Repubblica, il conflitto è avvenuto nella provincia di Nangarhar con almeno due soldati Usa che hanno perso la vita. Sul numero non si ha la conferma ufficiale visto che sono in corso tutti gli accertamenti.

Stiamo valutando la situazione – hanno fatto sapere dal comando militare di Kabul – e forniremo ulteriori aggiornamenti appena possibile“. Nello scontro a fuoco sarebbero morti anche sei soldati afghani.

Le ipotesi

La ricostruzione della dinamica non è ancora chiara ma gli scenari possibili (per ora) sembrano essere due. Il primo è quello di un agguato da parte dei talebani per cercare di recuperare terreno in questa zona. Il secondo, quello più probabile, rivela un attacco di militari talebani infiltrati tra le fila afghane alleate.

Difficile, al momento, capire cosa sia realmente successo. Nelle prossime ore potrebbero essere ascoltati i militari coinvolti in questo attentato per cercare di ricostruire meglio la dinamica. Il bilancio annunciato è di almeno due morti anche se il numero potrebbe aumentare nelle prossime ore.

Esercito Usa
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/USarmy

A rischio il negoziato?

L’attentato è arrivato nel mezzo dei negoziati tra Usa e talebani per porre fine alla guerra che ormai dura da 19 anni. Trattative iniziate diversi mesi fa ma che in passato hanno subìto uno stop per agguati a militari americani.

E il rischio di una nuova sospensione è molto alto. Trump spera di trovare un accordo per mantenere la promessa di riportare a casa le truppe dalla guerra ‘senza fine’ ma la morte dei due soldati in Afghanistan potrebbe complicare questo possibile accordo tra la Casa Bianca e i talebani.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/USarmy


San Leopoldo Mandic il patrono dei malati di tumore

Cosa c’entra il pangolino con il Coronavirus?