Scontro al governo, botta e risposta tra Salvini e Di Maio

Di Maio: “Contatti tra Salvini e Berlusconi per un nuovo governo”. Il leader della Lega: “Crisi solo nella sua testa”

Scontro al governo. Di Maio: Sembra che ci siano contatti tra Salvini e Berlusconi per la formazione di un nuovo esecutivo.

Prosegue e si infiamma il botta e risposta tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, con i due vicepremier che, dopo lo scontro sulla questione migranti, si dividono su Siri e sulla Raggi.

Il primo è indagato per un caso di corruzione, la seconda è stata tirata in causa dall’ex Ad di Ama, secondo cui la sindaca avrebbe fatto pressioni per modificare il bilancio aziendale.

Da qui i nuovi contrasti al governo. Il Movimento Cinque Stelle ha chiesto le dimissioni immediate di Siri, Matteo Salvini ha fatto sapere che la Raggi, inadeguata per Roma, dovrebbe rassegnare le dimissioni e lasciare il posto a persone più adatte.

Lauigi Di Maio e Matteo Salvini
Roma 01/06/2018 – giuramento Governo Italiano / foto Insidefoto/Image nella foto: Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Luigi Di Maio avverte: sembra che ci siano contatti in corso tra Salvini e Berlusconi per la formazione di un nuovo governo

Con un messaggio condiviso sui social network Luigi Di Maio è tornato ad attaccare Matteo Salvini facendo sapere che il leader della Lega, stando a quanto appreso, avrebbe avviato i contatti con Silvio Berlusconi per sondare il terreno sulle possibilità di formare un nuovo governo.

“Anche oggi la Lega minaccia di far cadere il governo. Sembra ci siano persino contatti in corso con Berlusconi per fare un altro esecutivo. Sono pieni i giornali di queste ricostruzioni e lo trovo gravissimo. Sono davvero sbalordito”.

“L’Italia non è mica un gioco, l’Italia siamo noi e milioni di famiglie in difficoltà che vogliono un segnale. L’Italia non è un trofeo e trovo gravissimo che la Lega con così tanta superficialità ogni volta che gli gira minacci di far cadere il governo”.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Matteo Salvini: La crisi di governo è solo nella testa di Di Maio, farebbe bene a non parlare di porti aperti

Immediata la risposta da parte del vicepremier Matteo Salvini che ha escluso ogni crisi di governo e ha invitato il collega a occuparsi del Reddito di cittadinanza e non dei porti.

“La Lega vuole solo governare bene e a lungo nell’interesse degli italiani, la crisi di governo è solo nella testa di Di Maio che farebbe bene a non parlare di porti aperti per gli immigrati e a controllare che il reddito di cittadinanza non finisca a furbetti, delinquenti ed ex terroristi”.

ultimo aggiornamento: 19-04-2019

X