Referendum sulla Giustizia, scontro tra l’Anm e il leader della Lega Matteo Salvini: “Ferma reazione a questo metodo”, “Parole gravissime”.

Scontro tra l’Anm e Matteo Salvini dopo le critiche sui referendum sulla Giustizia che sono una battaglia comune portata avanti dalla Lega e dal Partito Radicale. Santalucia ha contestato il metodo scelto dalle forze politiche, che con il referendum chiederebbero una sorta di valutazione di gradimento della magistratura. Contro questo metodo lo stesso Santalucia ha parlato di ferma reazione, scatenando le polemiche.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Anm contro il Referendum: “Ferma reazione a questo tipo di metodo”

Al di là del merito dei singoli quesiti, credo che si colga agevolmente un dato, in contrasto con quanto dichiarato dai proponenti, almeno da quelli che sono espressione di forze politiche che compongono la maggioranza di governo. Il fatto stesso che si porti avanti il tema referendario sembra esprimere un giudizio di sostanziale inadeguatezza dell’impianto riformatore messo su dal governo; e fa intendere la volontà di chiamare il popolo ad una valutazione di gradimento della magistratura, quasi a voler formalizzare e cristallizzare i risultati dei vari sondaggi di opinione che danno in discesa l’apprezzamento della magistratura“, aveva dichiarato Giuseppe Santalucia, presidente del sindacato dei magistrati, come riferito dall’Ansa. “Credo che spetti all’Anm una ferma reazione a questo tipo di metodo“, ha aggiunto Santalucia scatenando la reazione del leader della Lega Matteo Salvini.

Tribunale
Tribunale

La replica di Matteo Salvini: “Parole gravissime”

Il presidente dell’Anm attacca i referendum sulla Giustizia promossi da Lega e Partito Radicale e annuncia una ferma reazione? Parole gravissime. Non si può aver paura dei referendum, massima espressione di democrazia e libertà, e di confrontarsi con il giudizio e la volontà popolare“, è la replica del leader della Lega Matteo Salvini.


Via le mascherine all’aperto, il governo accelera

La Lega torna in piazza, Salvini: “L’Italia non può essere colonia o campo profughi”