E’ scontro tra Governo e le Regioni sulle isole Covid free. Bonaccini: “No ai privilegi”.

ROMA – E’ scontro tra il Governo e le Regioni sulle isole Covid free. La proposta del ministro Garavaglia non sembra essere condivisa da molti presidenti.

Bonaccini ha chiesto di non dare dei privilegi ad alcune zone in particolare e Zaia ha aggiunto: “Mi hanno chiesto cosa penso delle isole Covid free. Io sono a favore: la nostra isola si chiama Veneto. Non esiste che vado ad immunizzar una località a scapito delle altre. Chi è vaccinato venga qui in vacanza“.

Garavaglia: “Noi potremmo fare come la Grecia”

Nonostante i dubbi di alcuni governatori, il ministro Garavaglia non sembra essere intenzionato a fare passi indietro: “E’ opportuno vaccinare tutte le persone delle isole perché se lo faranno gli altri e noi no, lo svantaggio diventerà enorme“.

Una proposta che è sul tavolo del Governo. “La Grecia – aveva detto in un’intervista Garavaglia, riportato da La Repubblica ha tante piccole isole e per quello si sta muovendo in quella direzione […]. Per creare le isole Covid free abbiamo parlato con i ministri Giovannini e Speranza e c’è un tavolo aperto per arrivare ad avere dei protocolli e delle modalità di circolazione semplice e sicura nel nostro Paese, la direzione mi sembra abbastanza chiara“.

Coronavirus
Coronavirus

Il piano del Governo

Il piano del Governo sembra essere molto chiaro: vaccinare a tappeto nelle isole entro il 2 giugno per far partire il turismo.

Un’idea che continua a dividere le Regioni. Bonaccini, Zaia e Fedriga hanno ribadito la necessità di non differenziare le vaccinazioni, ma Campania, Sicilia e Sardegna sono in pressing per poter iniziare questa campagna di vaccinazione di massa. Nei prossimi giorni possibile un nuovo incontro tra i governatori e i ministri Speranza, Garavaglia e Gelmini per fare il punto della situazione e cercare di capire come ripartire.

TAG:
coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 12-04-2021


Salvini insiste: “Riaprire il prima possibile”

Sofagate, von der Leyen a Michel: “Mai più episodi simili”