Scontro Italia-Francia, Macron: “Lavoriamo insieme, senza cedere all’emozione”

Tensione tra Italia e Francia. Il presidente Macron prova ad abbassare i toni, ma Conte aspetta le scuse per le parole dei giorni scorsi.

Continua il clima di tensione, al limite dello scontro, tra Italia e Francia. Ha parlato quest’oggi Emmanuel Macron, presidente francese, facendo chiarezza sul pensiero transalpino riguardo il caso Aquarius. Queste le sue parole, riportate dall’Ansa: “Lavoriamo con l’Italia, non dobbiamo cedere all’emozione. Chi cerca la provocazione? Chi è che dice ‘io sono più forte dei democratici e una nave che vedo arrivare davanti alle mie coste la caccio via’?“.

Un tentativo di chiarire che al contempo un’accusa verso l’atteggiamento aggressivo di Salvini e del nuovo governo italiano. “Se gli do ragione, aiuto la democrazia?“, chiede Macron, in maniera retorica, “Non dimentichiamo chi ci sta parlando e chi si rivolge a noi. Non lo dimentichiamo, perché anche noi abbiamo a che fare con gli stessi…“.

Scontro Italia-Francia, la ministra Loiseau tende la mano

Intanto sulla questione è intervenuta anche la ministra degli Affari europei francese, Nathalie Loiseau: “L’Italia è da anni di fronte a un afflusso massiccio di migranti e l’Europa non l’ha aiutata abbastanza. Dobbiamo fare molto di più, rivedere le regole di Dublino, rafforzare il controllo alle frontiere esterne dell’Ue, rafforzare Frontex e lottare più efficacemente contro i passeur“.

Conte aspetta le scuse di Parigi

Ma il governo non sembra italiano non sembra disposto a passi indietro, se non arriveranno prima le scuse dell’Eliseo. Lo ha confermato il ministro dell’Interno Salvini: “L’Italia non merita gli insulti francesi, Macron passi dalle parole ai fatti, perché senza scuse ufficiali Conte fa bene a non andare a Parigi“.

Matteo Salvini e Giuseppe Conte
Matteo Salvini con il premier Conte (fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/)

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 13-06-2018

Mauro Abbate

X