Nuovo scontro tra Lega e Movimento Cinque Stelle, questa volta si discute sulla prescrizione. Blitz pentastellato, Carroccio al bivio.

ROMA – Archiviata la crisi dei senatori pentastellati dissidenti che avevano messo a repentaglio il Decreto Sicurezza, il Senato diventa nuovamente campo di battaglia, questa volta con la Lega intenzionata a mettere i bastoni tra le ruote agli alleati di governo per quanto riguarda la prescrizione.

Prescrizione, il blitz del Movimento Cinque Stelle: si va direttamente in Parlamento

Stando alla proposta del Movimento Cinque Stelle, avanzata di fatto senza aver trovato un accordo con la Lega, prevede la sospensione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado.

Con quello che dalla Lega hanno definito un vero e proprio blitz, il Movimento Cinque Stelle, con la firma di due deputati pentastellati e con il timbro del partito – e non quello del governo – hanno deciso di confezionare e proporre l’emendamento che sarà quindi sottoposto direttamente al Parlamento, una mossa che ha fatto storcere il naso negli ambienti del Carroccio.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Alfonso Bonafede
fonte foto https://www.facebook.com/Alfonso.Bonafede.M5S/

Lega al bivio, Salvini predica prudenza

Abbiamo preso atto dell’emendamento e lo leggeremo attentamente” si è limitato a dire il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Marrone (Lega). Il Capogruppo alla Camera Riccardo Molinari ha rivelato di essere perplesso ma che comunque la Lega studierà attentamente la proposta e prenderà una decisione. Una decisione che pare scontata.

È difficile che Matteo Salvini possa decidere di incrinare i rapporti con il Movimento Cinque Stelle prima di essere riusciti a mettere un punto sulla manovra economica e sulla disputa con l’Unione europea. Al momento si va avanti a compromessi, a volte anche difficili da accettare. Sul decreto Sicurezza hanno fatto un passo indietro i dissidenti pentastellati, sulla prescrizione faranno probabilmente un passo indietro i leghisti

Senato
Fonte foto: https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865

Partito democratico e Forza Italia pronte a dare battaglia: “Fermino Bonafede”

Tra i due litiganti ci sono poi le opposizioni, con esponenti del Partito democratico che hanno già fatto sapere di essere intenzionati a dare battaglia per impedire che venga approvato un emendamento che comporterebbe un allungamento dei processi, andando a rallentare una macchina già lenta e poco elastica.

Critiche anche da Forza Italia, con l’appello alla Lega di fermare Bonafede per non rendersi “complici dell’omicidio del processo penale“.


Roma, la spiaggia Tiberis è abusiva: il Comune costretto a smantellarla

Decreto Sicurezza, arriva l’ok dalla commissione del Senato