Scontro tra Letta e Salvini sul coprifuoco. Il dem: “Bisogna votare con la maggioranza”. La replica: “Non si fida degli italiani”.

ROMA – E’ scontro tra Letta e Salvini sul coprifuoco. Dopo una piccola tregua, i due leader sono ritornati a litigare a distanza sulle decisioni prese dal Governo. Posizioni completamente diverse che potrebbero portare in futuro nuovi problemi al premier Draghi e al resto dell’esecutivo.

Letta: “La Lega decida se vuole stare al governo”

Il primo ad attaccare è stato Enrico Letta ai microfoni della trasmissione di Lucia Annunziata. “Voglio che questo governo vada avanti – ha detto il segretario dem, riportato dall’Adnkronosma non deve più succedere che un partito voti contro la maggioranza. Se la Lega non vuole stare nel governo lo dica […]. Salvini sta raccogliendo firme contro il coprifuoco che il governo ha deciso […]. Ora stiamo riaprendo, ma se queste aperture fossero una falsa partenza e si dovesse richiudere l’estate salterebbe […]. Non c’è gente cattiva e gente buona che vuole togliere il coprifuoco“.

L’ex premier è ritornato a parlare anche dei migranti: “Ci sono questioni non negoziabili. Penso che oggi si potrebbe fare di più rispetto a quanto fatto in precedenza […]. Mi auguro che tutti siano cambiati in questi anni e che a nessuno venga l’idea di fare propaganda sulla pelle delle persone che muoiono in mare […]“.

Enrico Letta
Enrico Letta

La replica di Salvini

Non si è fatta attendere la replica di Salvini. Il leader della Lega su Twitter ha risposto alle parole del segretario del Partito Democratico. “Il leader del Pd Letta non si fida degli italiani e li vuole tenere ancora chiusi in casa. Io mi fido degli italiani e vorrei che tornassero a vivere, lavorare e sorridere“. Un post caratterizzato dall’hashtag #nocoprifuoco.

Da parte del numero uno di via Bellerio, dunque, la posizione non cambia: nel prossimo decreto per la Lega ci devono essere altre riaperture.

TAG:
coronavirus governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 25-04-2021


Speranza: “Coprifuoco alle 22 ci consente di ridurre la mobilità. Dobbiamo evitare di tornare indietro”

Il Financial Times incorona Mario Draghi ma l’Italia “delinquente” è uno scivolone