Ancora scritte razziste a Torino, indaga la Digos: è il secondo episodio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Torino, scritta nazista sul campanello della figlia di un partigiano

Scritte naziste Torino

Torino, nuova scritta razzista: la vittima è la figlia di un partigiano. Sul caso indagano gli uomini della Digos. Si tratta del terzo episodio in poche settimane.

Ancora scritte razziste a Torino. Nel corso degli ultimi giorni si stanno moltiplicando i casi di antisemitismo che di certo non rendono onore all’Italia.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Torino, scritte razziste contro la figlia di una partigiana

Questa volta la vittima è la figlia di un partigiano residente nel quartiere di Vanchiglia. La donna sul campanello della propria porta ha trovato due biglietti con scritte in tedesco e una svastica, il simbolo della Germania nazista.

Scritte naziste Torino
Fonte foto: https://twitter.com/

Indaga la Digos

Le indagini sono affidate agli uomini della Digos, già a caccia del responsabile del gesto. La donna vittima di questa violenza è membro del gruppo Anpi del suo quartiere. Ma non si esclude che i responsabili possano essere estranei alla vita della signora e conoscevano semplicemente la storia del padre, un partigiano ricordato e conosciuto ancora oggi perle sue azioni durante la Seconda Guerra Mondiale.

Tre casi in poche settimane: la situazione inizia a farsi allarmante

In poche settimane l’Italia ha dovuto fare i conti con tre casi tragicamente simili. Il primo è avvenuto a Mondovì, dove un uomo ha trovato sulla porta di casa la scritta a Juden hier. Il secondo caso è avvenuto a Torino, dove una donna ha fatto i conti con un invito decisamente esplicito e agghiacciante: “Crepa Sporca Ebrea“. Il terzo caso è quello di Vanchiglia. A questi casi si aggiungono le offese social rivolte alla senatrice a vita Liliana Segre in occasione della Giornata della Memoria. La situazione inizia a farsi allarmante e le autorità sono al lavoro nel tentativo di debellare una potenziale minaccia che forse nessuno sperava di dover affrontare nell’Italia del 2020.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2020 9:32

Indagine Eurispes, si moltiplicano gli italiani che non credono all’Olocausto

nl pixel