Le aziende vincitrici del bando dei banchi da consegnare alle scuole entro la fine di ottobre.

ROMA – Sono state rese note le aziende vincitrici del bando dei banchi da consegnare alle scuole entro la fine di ottobre. Una corsa contro il tempo, almeno guardando ai numeri. Il numero totale delle sedute da inviare agli istituti è di 2,4 milioni e ad oggi ne sono arrivate solo 300mila.

Serve obbligatoriamente un’accelerata nel giro di pochi giorni per non avere ulteriori ritardi.

Scuola, le aziende vincitrici del bando dei banchi

Sono undici le aziende al lavoro per rispettare i tempi di consegna dei banchi alle scuole. Sei realtà sono italiane. La prima è la Quadrifoglio sistemi d’arredo spa che è stata incaricata di costruire 600mila sedute da dare agli istituti. Carico importante anche per la Mobilferro srl che ha preso un impegno per mezzo milione.

Tra i vincitori del bando ci sono anche la Badon, la Principle Italy Spa, la Aurora Group srl e la Gonzagarredi. Non mancano aziende straniere come la Hmy Financiere (francese), la Vs Vereinigte Spezialmobelfrabiken GmbH&Co.Kg (tedesca), la Kinnarps Ab (svedese) e la Nautilius Sa (portoghese). Due le società che sono state escluse: la e-Picuro srl (la prima a manifestare l’interesse) e la Moschella sedute srl. Un impegno importante per cercare di rispettare i tempi di consegna e consentire alle scuole di ripartire in sicurezza.

Scuola

Corsa con il tempo

E’ alto il rischio di far slittare la consegna completa dei banchi. Al 27 settembre 2020, come scritto da La Repubblica, sono stati consegnati 300mila pezzi. Un numero molto basso se si guarda al totale (2,4 milioni). I ritardi iniziali potrebbero non consentire al Governo di rispettare la data di fine ottobre.

Una corsa contro il tempo da parte del Miur che spera di riuscire a completare la consegna nel giro di un mese.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
banchi economia politica scuola

ultimo aggiornamento: 27-09-2020


Coronavirus, l’appello dei Paesi all’Onu: “Serve un’alleanza mondiale per il vaccino”

Via Quota 100, come cambiano le pensioni dal 2022