Il ministro della Pubblica Istruzione, Lucia Azzolina, ha provato i nuovi banchi a postazione singola, replicando alle polemiche.

ROMA – Lucia Azzolina è stata ospite a ‘In Onda’ su La7. Il ministro della Pubblica istruzione, nel corso della trasmissione, ha provato i nuovi banchi singoli, con le ruote, al centro delle polemiche: “Sono più innovativi. è stata fatta una polemica stucchevole“.

I nuovi banchi a scuola

Più che banchi, si tratta di sedie con rotelle, quindi mobili, con attaccato un piccolo pianale su cui si può scrivere. In questo modo permettono agli alunni di rimanere distanziati, senza occupare troppo spazio. Oltre a seguire la classica lezione frontale, “questi banchi permettono agli studenti di lavorare in gruppo, di lavorare peer-to-peer (in coppia ndr): le stanno usando, queste sedie, quelle scuole che sono delle avanguardie educative“, ha detto Azzolina.  Il ministro ha raccontato che, quando lei insegnava, “c’era un insegnante di scienze molto bravo, che creava un apprendimento diverso, facendo spostare agli alunni i banchi tradizionali, vi lascio immaginare il rumore… l’ora dopo, l’insegnante che era più tradizione si arrabbiava: ora sarà più semplice…”.

Lucia Azzolina
fonte foto https://www.facebook.com/LuciaAzzolina82/

Lezioni a distanza e frontali

Circa il tema delle lezioni, Azzolina ha spiegato che “non è possibile fare didattica a distanza per tutti gli ordini di scuola al di sotto dei 14 anni, perché avremmo creato problemi enormi alle famiglie“.

Azzolina: “Entro agosto decisione sulle mascherine”

Non ci sono ancora indicazioni precise sull’obbligatorietà dell’uso delle mascherine in classe. Il comitato tecnico-scientifico dirà a fine agosto se sarà necessario usarle. Se sarà così, il fabbisogno c’è“, ha dichiarato il ministro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
banchi coronavirus Lucia Azzolina mascherine ministro della scuola

ultimo aggiornamento: 24-07-2020


Piacenza, cosa succedeva nella caserma dei carabinieri

Scuola, i presidi: “Servono 2,5 milioni di banchi”