La scuola riparte in presenza il 7 gennaio. Alle superiori in classe al 50%. Azzolina: “Un grande lavoro di squadra”.

ROMA – La scuola riparte in presenza dopo le festività natalizie. L’ufficialità del ritorno in classe anche degli alunni delle superiori (al 50%) è arrivato con una nota del Viminale, riportata dal Corriere della Sera: “Le prefetture – si legge – hanno adottato i documenti operativi all’esito dei lavori dei tavoli di coordinamento scuola-trasporti in tutte le province in vista della ripresa, dal 7 gennaio, dell’attività didattica in presenza. I prefetti hanno tenuto conto anche dell’ordinanza del ministero della Salute del 24 dicembre che limitatamente al periodo 7-15 gennaio riduce la presenza in classe al 50%“.

Azzolina: “Grande lavoro di squadra”

La notizia è stata commentata con molta soddisfazione dalla ministra Lucia Azzolina: “In pochi giorni i tavoli guidati dai prefetti hanno permesso di elaborare misure specifiche, territorio per territorio, e subito operative. Un lavoro di squadra di cui andare fieri. Nell’unico interesse di studentesse e studenti“.

Lucia Azzolina
Lucia Azzolina

De Micheli: “Saremo pronti il 7 gennaio”

Un lavoro che ha coinvolto anche il Mit. “Saremo pronti il 7 gennaio – ha assicurato la ministra De Micheli, riportata da La Repubblicaperché l’impegno di tutti è stato massimo e di questo ringrazio molto i prefetti […]. Grazie a questo coordinamento la scuola ripartirà più sicura con più mezzi del trasporto locale e una riorganizzazione degli orari. Chiuderla è stata tra le scelte più sofferte affrontate dal governo, il lavoro e la collaborazione istituzionale ci consentirà di riaprirla“.

Boccia: “La scuola è una responsabilità collettiva”

La scuola è una responsabilità collettiva – ha aggiunto il ministro agli Affari Regionali Boccia – una sfida che vinciamo se accompagnata da una continua leale collaborazione tra tutti i livelli istituzionali. E’ stato fatto in questi mesi un eccellente lavoro di coordinamento dai prefetti e i piani attuativi sono pronti per essere attuati“.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
coronavirus Lucia Azzolina politica scuola

ultimo aggiornamento: 01-01-2021


1 gennaio, il giorno della rivoluzione a Cuba

Conte: “Abbiamo vissuto un 2020 difficile. Il prossimo deve essere l’anno del riscatto”