Il rientro a scuola si avvicina, nel frattempo il Miur ha inviato agli istituti le nuove direttive anti-covid: si abbandona la Dad.

A proporre l’idea la Provincia di Verona: svolgere le lezioni in Dad ma soltanto di sabato, per risparmiare energia elettrica. La riposta della politica e dei sindacati alla proposta: “Andrebbe a penalizzare chi ha sofferto di più in pandemia, bambini e ragazzi”.

Nel frattempo, il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha emanato le nuove normative per le scuole per quanto riguarda la situazione Covid-19. Il Miur ha inviato a tutte le scuole italiane il vademecum sulle misure anti-covid per l’anno scolastico 2022-23.

Scuola

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il vademecum del Miur

Secondo quanto redatto all’interno del vademecum, “Da strategie di contrasto della diffusione dell’infezione si è passati a strategie di mitigazione”. Le misure in questione valgono sia per i servizi educativi per l’infanzia e sia per le istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo. Lo scopo è quello di “garantire la frequenza scolastica in presenza”.

Sembra quindi che le scuole abbandoneranno le lezioni didattiche a distanza (Dad). Inoltre, secondo quanto stabilito dal Miur, i bambini e ragazzi potranno recarsi a scuola anche nel momento in cui presentano dei sintomi influenzali, in quanto “nei bambini la sola rinorrea (raffreddore) è condizione frequente e non può essere sempre motivo di non frequenza o allontanamento dalla scuola in assenza di febbre. Gli studenti possono frequentare in presenza indossando mascherine chirurgiche/FFP2 fino a risoluzione dei sintomi ed avendo cura dell’igiene delle mani e dell’osservanza dell’etichetta respiratoria”.

Il dispositivo di protezione (mascherina) andrà indossato solo da coloro che sono considerati soggetti “a rischio”. Nella fattispecie il dispositivo da utilizzare sarà la mascherina Ffp2. Ciò significa che coloro che non presentano alcun sintomo possono liberamente recarsi a scuola senza indossare alcun dispositivo.

Il Miur ha caldamente consigliato “il ricambio frequente dell’aria” negli ambienti. Inoltre il personale scolastico dovrà provvedere ad una completa e giornaliera “sanificazione ordinaria” e una “straordinaria tempestiva in presenza di uno o più casi confermati”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-08-2022


Libia, nuovi scontri a Tripoli: rischio guerra civile

Lampedusa, in arrivo 50 barconi: hotspot strapieni