I seggiolini anti abbandono in commercio non sarebbero in regola

Caos sui seggiolini anti abbandono, molti di quelli in vendita non sono a norma

L’allarme sui seggiolini anti abbandono: quelli in commercio non sarebbero in regola se fosse applicata la norma di legge trascritta in Gazzetta Ufficiale.

I seggiolini anti abbandono in commercio potrebbero non essere in regola. Incredibile ma vero. Dopo i dubbi sulle multe e la corsa ai ripari con la moratoria, scatta l’allarme sui sistemi attualmente in vendita. Quelli che molti utenti hanno acquistato in fretta e furia per evitare quelle sanzioni che dovrebbero essere rinviate. Il colmo, perché ormai è di questo che dobbiamo parlare, è che molti seggiolini e dispositivi attualmente in commercio non sarebbero a norma. Tradotto, soldi buttati.

Seggiolini anti abbandono, i sistemi in vendita non sono in regola

La denuncia arriva da Altroconsumo, che ha segnalato come stando al decreto attuativo, applicabile alla lettera, nessuno dei prodotti in commercio sarebbe effettivamente a norma. I punti critici che emergono dal confronto tra la legge e i dispositivi in commercio sono due. A norma di legge, il dispositivo deve essere in grado di attivarsi automaticamente, senza alcuna ulteriore azione da parte del conducente. In secondo luogo il dispositivo non deve alterare le caratteristiche di omologazione del seggiolino. Ad oggi nessun modello in commercio rispetta fedelmente le due richieste in questione.

Seggiolino
fonte foto https://twitter.com/dellorco85

Il Bluetooth

Molti dispositivi entrano in comunicazione con l’utente attraverso il sistema Bluetooth. Che quindi il genitore deve attivare o comunque deve sincerarsi che sia attivato ogni qualvolta entri in macchina con il bambino. Da qui il dubbio. Attivare il Bluetooth è un’azione volontaria attiva? Se così fosse il dispositivo, applicando alla lettera la norma di legge, non sarebbe in regola.

Il problema dell’omologazione

Il secondo grande dubbio è legato all’omologazione dei seggiolini già in uso. L’applicazione di un cuscinetto, i sensori hanno queste fattezze, altera necessariamente e inevitabilmente la struttura originaria con la quale il modello ha passato l’omologazione e i test sicurezza. Ma cosa potrà mai cambiare con un piccolo cuscino posto alla base o sullo schienale? Poco o nulla forse, ma case produttrici intenzionate ad assumersi le responsabilità non ci sono.

ultimo aggiornamento: 11-11-2019

X