Un seminarista è accusato di aver violentato una ragazza di 15 anni. Il giovane è stato denunciato e ricevuto un divieto di avvicinamento.

MILANO – Ancora un caso di abuso scuote la chiesa di Milano. Un seminarista è accusato di aver violentato di una ragazzina di 15 anni in un oratorio in un comune del capoluogo lombardo. A raccontare la vicenda è stata la stessa vittima, con la Procura che ha emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla giovane e un obbligo di allontanamento dalla città.

I punti da chiarire sono diversi e nelle prossime settimane si continueranno ad effettuare accertamenti per capire anche se altre ragazzine sono state vittime del seminarista.

Ragazza in ospedale

La scoperta degli abusi è stata fatta dopo il ricovero in ospedale. La ragazza di 15 anni, come scritto da La Repubblica, è andata al nosocomio per le gravi conseguenze psicologiche e fisiche avute dopo le violenze. La giovane con il passare dei giorni ha raccontato quanto successo agli inquirenti e da qui la Procura ha deciso di aprire un’indagine nei confronti del seminarista.

Le accuse contro il giovane sono quelle di violenza sessuale aggravata e produzione di materiale pedopornografico. La chiesa, subito dopo aver scoperto quanto successo, ha allontanato il 26enne.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
Carabinieri

La ricostruzione

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto scritto da La Repubblica, il seminarista, conosciuto da tutti nella zona e incaricato di seguire i ragazzini, ha approfittato delle debolezze della 15enne per avvicinarsi e successivamente abusare di lei.

Il giovane ha prima iniziato con alcuni messaggini, molti dei quali arrivati tramite i social, e poi è andato oltre. Le indagini sono in corso e presto ci potrebbero essere importanti novità. In particolare, si vuole capire se altre ragazze sono state vittime del seminarista oppure si è trattato del primo caso.


La Francia si blinda contro la variante Delta: test negativo nelle ultime 24 ore per entrare nel Paese

Coronavirus, il ministro della Salute inglese positivo. Il premier israeliano: “Vaccino Pfizer meno efficace contro la variante Delta”