Parmalat, la Cassazione respinge il ricorso: dovrà pagare 431 milioni a Citi

Parmalat, la Cassazione respinge il ricorso: dovrà pagare 431 milioni a Citi

Sconfitta in Cassazione per Parmalat. L’azienda dovrà pagare 431 milioni di dollari a Citi. Respinto il ricorso del gruppo di Collecchio.

ROMA – Sconfitta in tribunale per Parmalat. La Cassazione ha ritenuto legittima la sentenza emessa il 27 ottobre 2008 dalla Superior Court del New York che ha condannato l’azienda italiana a pagare una multa di 431 milioni di dollari a Citi.

Il gruppo di Collecchio aveva presentato ricorso per cercare di evitare la sanzione ma i giudici della Corte Suprema hanno dato ragione alla società ‘concorrente’. Una sconfitta che era stata sancita nel 2014 in Appello quando era stata dichiarata efficace la sentenza del New Jersey in Italia sul diritto della banca ad essere risarcita. Quindi nelle prossime settimane la Parmalat dovrà sborsare la cifra stabilita in Tribunale. Una vicenda che si chiude definitivamente visto che il terzo grado era l’ultimo per questo lungo processo iniziato ormai nel lontano 2008.

Parmalat
fonte foto https://www.facebook.com/Parmalat/

Parmalat condannata, la Cassazione conferma la sentenza di primo grado

I due ricorsi effettuati da Parmalat contro la sentenza di primo grado (emessa nel 2008 n.d.r.) non hanno portato i risultati sperati. L’azienda è stata condannata a pagare 431 milioni di dollari a Citi per “aver agevolato il dissesto del gruppo mediante operazioni finanziarie illeciti“.

La vicenda risale al 2003 quando il Commissario straordinario del gruppo di Collecchio aveva chiesto la condanna di Citi per gli stessi illeciti che avrebbero portato al crac. Immediato il ricorso dell’azienda ‘concorrente’ che è stato accolto dai giudici del New Jersey. In primo grado la sentenza di pagare 431 milioni di dollari a Citi. Mentre la Corte d’Appello ha giudicato applicabile la condanna in Italia. L’ultimo tentativo da parte di Parmalat era quello di presentare ricorso in Cassazione ma la Corte Suprema ha rigettato la richiesta confermando la condanna per Parmalat che nelle prossime settimane dovrà sborsare la cifra stabilita dai giudici.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Parmalat/

ultimo aggiornamento: 16-04-2019

X