La Corte Costituzionale salva la legge Merlin sul favoreggiamento della prostituzione: “Vendere sesso non è mai un atto totalmente libero”.

ROMA – La Corte Costituzionale salva la legge Merlin sul favoreggiamento della prostituzione. “Vendere sesso – si specifica in una sentenza riportata dal sito di La Repubblicaè quasi sempre una scelte determinata da fattori che limitano e condizionano la libertà di autodeterminazione dell’individuo. In questa materia, lo stesso confine tra decisioni autenticamente libere e decisioni che non lo sono è spesso labile“.

La decisione dei giudici si riferisce alla richiesta della Corte d’Appello di Bari che nelle prossime settimane è chiamata ad emettere una sentenza su Gianpaolo Tarantini e Massimiliano Verdoscia, indagati per il caso escort presentate a Silvio Berlusconi.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

La Corte Costituzionale salva la legge Merlin

Con questa sentenza è stata messa in salvo la Legge Merlin. La scelta di prostituirsi può apparire inizialmente libera ma si entra in un percorso dal quale non è semplice uscire volontariamente e ci sono dei rischi per l’integrità fisica e la salute. A questi ci si espone nel momento in cui ci si trova a contatto con il cliente.

La risposta è arrivata per la richiesta avanzata dalla Corte di Appello che a breve sarà chiamata a decidere sul processo che vede coinvolti Tarantini e Verdoscia. I due sono accusati di aver presentato delle escort a Silvio Berlusconi. Sicuramente la sentenza della Consulta potrebbe cambiare e non poco il destino di questa vicenda.

Prostituirsi non è un atto libero e per questo gli imputati potrebbero essere condannati. A breve uscirà la sentenza di secondo grado di Bari e la Consulta avrà sicuramente un ruolo importante. Ma questa sentenza potrebbe essere anche un precedente per altre decisioni dei Tribunali che ci saranno nelle prossime settimane in Italia e non solo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Corte Costituzionale cronaca legge merlin prostituzione

ultimo aggiornamento: 07-06-2019


Bufera sulle Procure, la moglie di Palamara dirigente esterna della Regione Lazio

Nuoro, liberato Graziano Mesina per decorrenza dei termini