La Corte dell’Unione Europea ha aperto alla possibilità di revocare in modo unilaterale la Brexit fino al 29 marzo 2019. Domani il voto del Parlamento.

LONDRA (INGHILTERRA) – Alla vigilia di una giornata cruciale per il futuro del governo guidato da Theresa May, arriva la sentenza della Corte dell’Unione Europea che potrebbe stravolgere le carte in tavola. Secondo i giudici di Bruxelles “il Regno Unito ha tempo fino al 29 marzo 2019 di revocare in modo unilaterale la Brexit. In quel caso manterrebbe lo status di Stato membro”.

La presa di posizione della Corte è stata presa dopo la richiesta dei giudici scozzesi che volevano proprio delle informazioni in merito.

Una decisione che non spaventa il Governo britannico come conferma il ministro dell’Ambiente, Michael Gove: “Noi non vogliamo restare nell’UE e il messaggio è stato mandato anche dai cittadini attraverso il referendum“.

Theresa May
fonte foto https://twitter.com/Rvaticanaitalia

Brexit, la May rinvia il voto in Parlamento?

Theresa May potrebbe decidere di rinviare il voto alla Camera dei Comuni sull’accordo trovato con l’Unione Europea. L’indiscrezione – lanciata da Bloomberg – sarebbe stata confermata da alcune fonti del governo alla BBC. La comunicazione ufficiale è attesa per le 16:30 italiane di lunedì 10 dicembre. Nell’annuncio non è escluso che venga detta una nuova data.

La decisione sembra essere stata presa per provare a cambiare le sorti di un Governo che ormai sembrano segnate. Proprio ieri la stessa premier aveva lanciato un ultimatum a tutto il Parlamento: o accordo oppure elezioni anticipate con il laburista Jeremy Courbin favorito e niente Brexit.

Ore, giorni decisivi per il futuro della Gran Bretagna. Theresa May è pronta a prendersi più tempo per cercare di ritrovare quella maggioranza in Parlamento che al momento non sembra esserci. Il tempo è davvero stretto, un accordo deve essere trovato nelle prossime settimane altrimenti la Brexit rischia di saltare.

fonte foto copertina https://twitter.com/XinhuaItalia

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
brexit esteri Gran Bretagna theresa may

ultimo aggiornamento: 10-12-2018


Amnesty International punta il dito: in Italia gestione repressiva del fenomeno migratorio

Gb, Theresa May ha rinviato il voto sull’accordo sulla Brexit